Jenö Jandó

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jenö Jandó (Pécs, 1 febbraio 1952) è un pianista ungherese.

Jenö Jandó riceve le sue prime lezioni di pianoforte all'età di 7 anni da sua madre. In seguito studia alla "Accademia Franz Liszt" con Katalin Nemes e Pál Kadosa, istituto dove riveste ancora oggi il titolo di docente di pianoforte principale.

Carriera solistica[modifica | modifica sorgente]

La sua carriera professionale è segnata dalla premiazione in numerosi concorsi pianistici, tra cui spiccano il Concorso pianistico "Cziffra e Ciani", l'Hungarian Piano Concours nel 1973, il Concorso internazionale di Sydney nel 1977 nella categoria musica da camera e il 3º posto nel premio ungherese "Beethoven" nel 1970.

Da sempre Jandó padroneggia un repertorio molto ampio, che include l'integrale delle Sonate per pianoforte di Ludwig van Beethoven, tutti i Concerti e le Sonate per pianoforte di Wolfgang Amadeus Mozart, l'intera raccolta del Clavicembalo ben temperato, le Sonate per pianoforte di Franz Joseph Haydn, i Concerti e le Sonate per pianoforte di Béla Bartók ed infine la maggior parte delle sonate per pianoforte di Franz Schubert. La maggior parte di questi lavori è stata incisa per l'etichetta discografica Naxos in più di 60 album.

Tra le sue interpretazioni migliori vanno sicuramente ricordati il Concerto per pianoforte n. 2 in di Rachmaninov e le sue interpretazioni delle opere per pianoforte di Schumann, oltre anche a un'ottima e curata esecuzione dei "Quadri di un'esposizione" di Mussorgskij. Brillante è anche la sua esecuzione dell'Aria con variazioni dalla Suite n. 5 di G. F. Händel (Il fabbro armonioso).

Musica da camera[modifica | modifica sorgente]

Come pianista accompagnatore, Jandó ha collaborato con la violinista giapponese Takako Nishizaki nella registrazione delle Sonate per violino e pianoforte di Franck, Grieg, Schubert e Mozart. Le sue abilità come grande accompagnatore sono anche dimostrate nella Sonata per violoncello e pianoforte di Kodály e in una recente incisione delle Sonate di Dohnányi in duo con la violoncellista tedesca Maria Kliegel.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85866683 LCCN: n85352576