Jean d'Ormesson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean d'Ormesson
Seggio 12 dell'Académie française
Jean d'Ormesson.jpg
Nato Parigi, 16 giugno 1925 (89 anni)
Nazionalità Francese
Attività Scrittore e giornalista
Eletto 18 ottobre 1973
Ricevuto 6 giugno 1974
da Thierry Maulnier

Jean d'Ormesson (Parigi, 16 giugno 1925) è uno scrittore e giornalista francese.

Soprannominato Jean d'O, d'Ormesson (il cui nome completo è Jean Bruno Wladimir François-de-Paule Le Fèvre, conte d'Ormesson) è uno scrittore di fama internazionale nel campo della narrativa, della saggistica e del giornalismo; è figlio di André d'Ormesson, ambasciatore di Francia, e per tale ragione in gioventù ha trascorso vari anni in Baviera, in Romania e in Brasile. Fino alla vendita del maniero, ha passato lunghi periodi nel castello di Saint-Fargeau, che farà da sfondo al suo romanzo A Dio piacendo.

Dopo le classi preparatorie al Liceo Henry IV di Parigi, è ammesso all'École Normale Supérieure, dalla quale uscirà con il titolo di agrégé de philosophie (particolare qualifica di professore universitario o di liceo). Nel 1950 diventa Segretario generale del Consiglio internazionale della filosofia e delle scienze umane dell'Unesco, diventandone il presidente nel settembre 1992.

Dal 1952 al 1971 è vice caporedattore della rivista Diogène della quale, nel 1971, diventa membro del comitato di redazione e in seguito caporedattore.

A più riprese è membro di gabinetti ministeriali e membro delle delegazioni francesi presso numerose conferenze internazionali, come, ad esempio, quelle organizzate presso l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel 1948.

Nel 1970, diventa direttore del quotidiano nazionale francese Le Figaro. Lascia l'incarico il 10 gennaio 1975 per dissensi con l'editore dell'epoca Robert Hersant.

Jean d'Ormesson è eletto alla Académie française il 18 ottobre 1973. Il suo ingresso sotto la Coupole rappresenta un record rimasto finora imbattuto, giacché è chiamato a far parte degli Immortali a soli 48 anni. È in particolare grazie al suo sostegno e ai suoi sforzi che nel 1980 la scrittrice Marguerite Yourcenar è entrata a far parte della prestigiosa Accademia, prima donna ad essere accolta tra gli Immortali della Francia. Dal 30 ottobre 2009 è decano di elezione.

Jean d'Ormesson continua a collaborare regolarmente con il giornale Le Figaro con la sua rubrica Dibattiti ed opinioni.

La prima biografia sulla sua vita, scritta da Arnaud Ramsay, Jean d'Ormesson o l'eleganza della felicità, è stata pubblicata in Francia nel 2009.

Nel 2012, Jean d'Ormesson ha prestato la propria interpretazione nel film Les Saveurs du palais di Christian Vincent.

Opere pubblicate in Italia[modifica | modifica sorgente]

  • A Dio piacendo, Rizzoli, 1977
  • La gloria dell'impero, Rizzoli, 1973
  • Dio. Vita e opere, Rizzoli, 1982
  • Il mio ultimo pensiero sarà per voi, Rizzoli, 1984
  • Il vento della sera, Rizzoli, 1986
  • Giornale di bordo. Gli ebrei, i comunisti, le trappole della violenza, Spirali, 1987
  • Il romanzo dell'ebreo errante, Rizzoli, 1992
  • La dogana di mare, Rizzoli, 1994
  • La creazione del mondo, Spirali, 2007
  • Odore del tempo, Spirali, 2008
  • Che cosa strana è il mondo, Barbès, 2011

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze francesi[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore
— 13 luglio 2014

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Seggio 12 dell'Académie française Successore
Jules Romains 1973 - presente in carica

Controllo di autorità VIAF: 49229768 LCCN: n50002176