Jean Jouffroy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean Jouffroy
cardinale di Santa Romana Chiesa
Incarichi ricoperti vescovo di:
Arras (1453 - 1462)
Albi (1462 - 1473)
Nato 1412 circa
Creato cardinale 18 dicembre 1461 da Pio II
Deceduto 1473

Jean Jouffroy (Luxeuil-les-Bains, 1412 circa – Reully, 24 novembre 1473) fu un benedettino cluniacense francese che divenne abate, vescovo e cardinale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da famiglia di origini modeste, entrò nella Congregazione cluniacense presso l'Abbazia di Luxeuil. Studiò diritto canonico e teologia, discipline nelle quali si laureò, divenendone poi professore presso l'Università di Pavia dal 1435 al 1438.

Divenne quindi elemosiniere di Filippo III, duca di Borgogna, che gli affidò alcune missioni diplomatiche in Francia, Italia, Portogallo e Castiglia. Nel 1449 fu nominato abate di Luxeuil.

Nel 1453 divenne vescovo di Arras. Nel 1461 divenne consigliere di re Luigi XI, che aveva conosciuto quando questi era ancora Delfino. Fu più volte legato pontificio, spesso in Francia, ma poi anche a Napoli. Nel 1461 chiese a Luigi XI, per conto della Santa Sede, l'abrogazione della Prammatica Sanzione di Bourges.

Nel concistoro del 18 dicembre del 1461 papa Pio II lo nominò cardinale presbitero e nel 1462 ricevette il titolo dei Santi Silvestro e Martino ai Monti.

Sempre nel 1461 venne nominato vescovo di Albi, lasciando così la sede vescovile di Arras. Ricevette anche, in commendam, il titolo di Abate di Saint-Sernin. Nel 1464 venne nominato Abate commendatario di Saint Denis, nel 1467 Abate commendatario di Gorze e nel 1470 ricevette, sempre in commendam, anche il titolo di Abate dell'Abbazia di Moreruela, nella Provincia di Zamora in Spagna.

Nel 1473 assistette Pietro II di Borbone, signore di Beaujeu, nella sua campagna militare per conto del re di Francia, contro Giovanni V d'Armagnac.

Morto nello stesso anno e venne sepolto nel priorato benedettino di Reully ov'era deceduto.

Fu umanista e bibliofilo.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il cardinalato di Jouffroy ebbero luogo due conclavi, quello del 1464, che elesse papa Paolo II, e quello del 1471, che elesse papa Sisto IV, ma il Jouffroy non prese parte a nessuno dei due.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Gaspard Caussé, Un document inédit sur l’abbaye de Saint-Sernin, Mémoires de la Société archéologique du Midi de la France, 8 (1861-1865), p. 399-408.
  • (FR) Ch. Fierville, Le cardinal Jean Jouffroi et son temps (1412-1473) : étude historique, Paris, 1874.
  • (DE) Claudia Märtl, Kardinal Jean Jouffroy (+1473). Leben und Werk, Sigmaringen (Thorbecke), 1996.
  • (FR) Evencio Beltran, L’humanisme français au temps de Charles VII et de Louis XI, dans Préludes à la Renaissance, sous la direction de Carla Bozzolo et d’E. Ornato, Paris, 1992, p. 123-162 [Biographie, carrière et culture de Jouffroy, p. 142-147].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Abate di Luxeuil Successore TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Guy IV Briffaut
1431 - 1449
1449-1468 Antoine I de Neuchâtel
1468 - 1495
Predecessore Vescovo di Arras Successore BishopCoA PioM.svg
Jaime de Portugal
marzo – aprile 1453
1453 - 1462 Pierre de Ranchicourt
1463 - 1499
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalPallium PioM.svg
vacante
dal 1454
1461 - 1473 Carlo I di Borbone
1476 - 1488
Predecessore Vescovo di Albi Successore BishopCoA PioM.svg
Bernard de Cazilhac
14611462
1462 - 1473 Luigi I d'Amboise
1474 - 1503
Predecessore Abate di Saint Denis Successore TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Philippe II de Gamaches
1442 - 1449
1464 - 1473
in commendam
Jean III de Villiers
1473 - 1499
Predecessore Abate di Saint-Sernin Successore TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Jean de Juniac
1453 - 1461
1461 - 1473
in commendam
?
Predecessore Abate di Gorze Successore TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Jacques Wisse de Gerbéviller
1445 - 1466
1467 - 1473
in commendam
Giuliano della Rovere
1473 - 1486

Controllo di autorità VIAF: 13116646 LCCN: n85050334