Jean François Gillet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean François Gillet
Gilletbologna.png
Dati biografici
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 181 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Torino Torino
Carriera
Giovanili
1989-1996 Standard Liegi Standard Liegi
Squadre di club1
1996-1999 Standard Liegi Standard Liegi 3 (-2)
1999-2000 Monza Monza 37 (-45)
2000-2003 Bari Bari 76 (-102)
2003-2004 Treviso Treviso 44 (-48)
2004-2011 Bari Bari 277 (-306)
2011-2012 Bologna Bologna 29 (-32)
2012- Torino Torino 48 (-66)
Nazionale
1992-1993
1995
1994-1995
1995-1996
1996
1996
1996-2002
2009-
Belgio Belgio U-15
Belgio Belgio U-16
Belgio Belgio U-17
Belgio Belgio U-18
Belgio Belgio U-19
Belgio Belgio U-20
Belgio Belgio U-21
Belgio Belgio
2 (-?)
3 (-?)
6 (-?)
19 (-?)
1 (-?)
4 (-?)
36 (-?)
9 (-11)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 dicembre 2014

Jean François Gillet (Liegi, 31 maggio 1979) è un calciatore belga, portiere del Torino.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un portiere pararigori.[1]

Calcioscommesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto 2012 viene iscritto, insieme ad altri suoi ex compagni del Bari, nel registro degli indagati dalla Procura di Bari per frode sportiva riguardo alcune partite del Bari truccate in passato.[2]

Il 16 luglio 2013, Gillet viene condannato dalla Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC a 3 anni e 7 mesi di squalifica, pena poi confermata anche in appello il 27 luglio.[3][4]

Il 24 gennaio 2014, il TNAS gli riduce la squalifica a tredici mesi[5].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi: Standard Liegi e Monza[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera professionistica nelle giovanili dello Standard Liegi, venendo convocato anche in prima squadra a 17 anni. Nel 1996 debutta nel Massimo campionato belga, e la stagione seguente scende in campo in altre due occasioni.

Nell'estate 1999, all'età di vent'anni, passa a titolo definitivo al Monza, all'epoca in Serie B. Promosso subito titolare della squadra, disputa una stagione di notevole livello, giocando 33 partite.

Bari e la parentesi a Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver disputato quattro partite di campionato ad agosto con il Monza, negli ultimi giorni di calciomercato accetta il trasferimento al Bari, in Serie A, che lo acquista per 5 miliardi di lire[6].

La sua prima stagione in massima serie, nonostante 20 presenze e grandi prestazioni tra i pali, è contrassegnata dall'accusa per doping. Dopo la partita Bari-Reggina del 21 gennaio, infatti, diventa il primo giocatore in Italia ad essere rinviato a giudizio per la positività al Nandrolone[6][7] ed è costretto dal tribunale sportivo a una squalifica di quattro mesi. Il tribunale di Bari, in seguito, che in prima istanza aveva chiesto due mesi di reclusione e una multa pecuniaria, riconoscerà al portiere molte attenuanti, riducendo la pena a soli 4000 euro di sanzione[8].

Nei successivi dieci anni veste la maglia del Bari tra Serie A e Serie B, con l'eccezione di una piccola parentesi di 44 partite nella stagione 2003-2004 con la maglia del Treviso, a causa di alcuni dissapori con l'allora tecnico della formazione biancorossa Marco Tardelli.

Il 13 marzo 2008 rinnova con i pugliesi fino al 2011[9].

Nel 2007 giunge a Bari Antonio Conte, e Gillet, con le sue spiccate doti tecniche, si rivela il portiere ideale per lo schema dell'allenatore, che prevede l'inizio dell'azione proprio dall'estremo difensore.[10]. La squadra trionfa nel campionato, ritrovando la massima serie dopo sette anni di assenza.

Nella stagione 2009-2010, si conferma ancora ad altissimi livelli, subendo soltanto sette reti nelle prime 12 giornate, contribuendo, con la coppia difensiva Andrea Ranocchia-Leonardo Bonucci, a confermarsi la difesa meno battuta d'Europa[11].

Il 18 marzo 2010 rinnova con il Bari fino al 2014.[12], e il 12 settembre 2010 diventa ufficialmente il "fedelissimo" del Bari: in occasione dell'incontro Napoli-Bari raggiunge infatti le 319 presenze con la maglia dei pugliesi superando così in testa alla classifica di presenze con i biancorossi un'altra leggenda del calcio barese, Giovanni Loseto. Per questo motivo il sindaco di Bari Michele Emiliano ha consegnato al portiere belga le chiavi della città in segno dell'attaccamento alla società e alla città.[13] Anche in questa stagione Gillet si conferma un formidabile pararigori: ne para due a Totti, nel corso delle due partite tra Bari e Roma, ed uno a Robert Acquafresca del Cagliari. Alla fine della stagione, tuttavia, il Bari retrocede nuovamente in Serie B.

Il passaggio al Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 giugno 2011 il portiere belga passa ufficialmente al Bologna per 1,4 milioni di euro.[14] Scelto come portiere titolare, esordisce con la maglia rossoblu l'11 settembre 2011 nella sconfitta esterna contro la Fiorentina. Disputa in tutto 29 partite con 32 gol subiti, contribuendo al nono posto finale della squadra.

L'esperienza al Torino[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2012 è ufficiale il suo trasferimento a titolo definitivo per 1,7 milioni di euro al Torino, con cui firma un contratto triennale[15]. In granata ritrova così l'allenatore Giampiero Ventura che lo ha avuto a Bari. Esordisce in campionato il 26 agosto contro il Siena in cui la partita rimane a reti bianche.

Il 6 giugno 2013 sul filone Bari-bis del calcioscommesse, viene deferito per illecito sportivo e, il 16 luglio 2013 viene squalificato per 3 anni e 7 mesi per doppio illecito nelle presunte combine di Bari-Treviso (11 maggio 2008) e Salernitana-Bari (23 maggio 2009).[16]

Il 24 gennaio 2014 il TNAS riduce la squalifica a tredici mesi (di cui cinque già scontati)[17]. Ritorna a giocare il 17 agosto nella triangolare in amichevole a Mondovì contro il Bra e il Virtus Mondovì[18]. Viene nuovamente convocato in una partita ufficiale dal tecnico Giampiero Ventura nella partita giocata a Spalato contro il RNK Spalato dei play-off di Europa League il 22 agosto[19]. Il 18 settembre gioca la prima partita da titolare del Torino dopo la fine della squalifica sempre in Europa League contro la squadra belga del Club Bruges nella partita che si conclude 0-0 grazie anche a sue decisive parate[20].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2009, all'età di trent'anni, dopo una ottima prestazione contro l'Inter all'esordio nella nuova stagione del Bari in Serie A, conquista anche la convocazione nella Nazionale maggiore belga in vista del doppio impegno di qualificazione ai Mondiali 2010 contro Spagna e Armenia.

Esordisce il 5 settembre 2009 in casa dei campioni d'Europa in carica della Spagna, parando prima un rigore a David Villa, ma subendo successivamente ben 5 reti[21]. Nella partita successiva subisce due goal, che sanciscono la sconfitta della squadra belga in Armenia per 2 a 1. Il 14 novembre mantiene la porta inviolata nell'amichevole contro l'Ungheria e il 17 novembre esce ancora una volta imbattuto dal match contro il Qatar.

Nell'ottobre 2014 fu convocato per le amichevoli contro Il Portogallo e l'Armenia.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 dicembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Belgio Standard Liegi D1 1 -0 CB 0 -0 - - - - - - 1 -0
1997-1998 D1 2 -2 CB 0 -0 - - - - - - 5 -6
1998-1999 D1 4 -5 CB 0 -0 - - - - - - 5 -6
Totale Standard Liegi 3 -2 0 -0 - - - - 3 -2
1999-2000 Italia Monza B 33 -40 CI 2 -3 - - - - - - 35 -43
lug.-ott. 2000 B 4 -5 CI 1 -1 - - - - - - 5 -6
Totale Monza 37 -45 3 -4 - - - - 40 -49
ott. 2000-2001 Italia Bari A 20 -35 CI - - - - - - - - 20 -35
2001-2002 B 33 -43 CI 0 -0 - - - - - - 33 -43
2002-2003 B 23 -24 CI 2 -0 - - - - - - 25 -24
2003-2004 Italia Treviso B 44 -48 CI 0 -0 - - - - - - 44 -48
2004-2005 Italia Bari B 41 -33 CI 2 -3 - - - - - - 43 -36
2005-2006 B 41 -46 CI 2 -2 - - - - - - 43 -48
2006-2007 B 42 -46 CI 1 -1 - - - - - - 43 -47
2007-2008 B 40 -52 CI 1 -0 - - - - - - 41 -52
2008-2009 B 40 -30 CI 2 -1 - - - - - - 42 -31
2009-2010 A 37 -46 CI 1 -1 - - - - - - 38 -47
2010-2011 A 36 -53 CI 0 -0 - - - - - - 36 -53
Totale Bari 353 -408 11 -8 - - - - 364 -416
2011-2012 Italia Bologna A 29 -32 CI 1 -1 - - - - - - 30 -33
2012-2013 Italia Torino A 37 -53 CI 1 -2 - - - - - - 38 -55
2013-2014 A - - CI - - - - - - - - - -
2014-2015 A 11 -13 CI 0 -0 UEL 2 -0 - - - 13 -13
Totale Torino 48 -66 1 -2 2 -0 - - 51 -68
Totale carriera 514 -601 16 -15 2 -0 - - 532 -616

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Belgio Belgio
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-9-2009 A Coruña Spagna Spagna 5 – 0 Belgio Belgio Qual. Mondiali 2010 -5
9-9-2009 Erevan Armenia Armenia 2 – 1 Belgio Belgio Qual. Mondiali 2010 -2
14-11-2009 Gand Belgio Belgio 3 – 0 Ungheria Ungheria Amichevole -
17-11-2009 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 0 Qatar Qatar Amichevole -
19-5-2010 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole -1
17-11-2010 Voronež Russia Russia 0 – 2 Belgio Belgio Amichevole -
11-11-2011 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Romania Romania Amichevole -1
25-5-2012 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 2 Montenegro Montenegro Amichevole -1
6-2-2013 Bruges Belgio Belgio 2 – 1 Slovacchia Slovacchia Amichevole -1
Totale Presenze 9 Reti -11

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 2008-2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gillet, il pararigori del Bari dopo 11 può cambiare maglia, repubblica.it, 7 giugno 2011. URL consultato il 30 giugno 2011.
  2. ^ Bari: altri indagati - Ranocchia zitto, Gillet parla al pm in La Gazzetta dello Sport, 4 agosto 2012, p. 27.
  3. ^ Marco Bonetto, Servono 4 titolari e un altro portiere in Tuttosport, 17 agosto 2012, p. 10.
  4. ^ Calcioscommesse, processo Bari-bis: confermata la pena per Gillet - La Gazzetta dello Sport
  5. ^ TNAS: squalifica ridotta per Gillet. Rientrerà ad agosto | Altre notizie | Calciomercato.com
  6. ^ a b Piccardi Gaia, «Io, Gillet, messo nei guai da una flebo misteriosa», Corriere della Sera, 7 febbraio 2003. URL consultato il 6 maggio 2010.
  7. ^ Il giudice assolve Gillet primo positivo al nandrolone, Repubblica.it, 25 ottobre 2003. URL consultato il 14 luglio 2012.
  8. ^ Gillet condannato per doping ma se la caverà con 4mila euro, Repubblica.it, 13 luglio 2005. URL consultato il 14 luglio 2012.
  9. ^ Fabrizio di Clemente, Ufficiale: Bari, Gillet rinnova fino al 2011 in tuttomercatoweb.com, 12 marzo 2008. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  10. ^ Gillet, Ventura ritrova il suo "Gatto di Liegi", Toronews.net, 7 luglio 2012. URL consultato il 14 luglio 2012.
  11. ^ Il Punto sul Bari - Ha la miglior difesa d'Europa, ma Lippi non se ne accorge, Goal.com, 10 novembre 2009. URL consultato il 14 luglio 2012.
  12. ^ Raimondo De Magistris, Ufficiale: Bari, blindato Gillet in tuttomercatoweb.com, 19 marzo 2010. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  13. ^ Gazzetta dello Sport, 14 settembre 2010
  14. ^ Gillet al Bologna, tuttomercatoweb.com, 29 giugno 2011. URL consultato il 30 giugno 2011.
  15. ^ Gillet al Toro, Torinofc.it, 5 luglio 2012. URL consultato il 5 luglio 2012.
  16. ^ La procura: Gillet iIlecito sportivo, gazzetta.it, 6 giugno 2013.
  17. ^ Torino, tredici mesi di squalifica a Gillet
  18. ^ Torino, Gillet torna e sgomita: "Ventura, voglio giocare"
  19. ^ RNK Spalato-Torino 0-0, il tabellino ufficiale
  20. ^ Girone B, Bruges-Torino 0-0: Gillet provvidenziale, l’attacco non punge
  21. ^ Spagna cinque stelle, Belgio ko, Uefa.com, 5 settembre 2009. URL consultato il 23 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]