Jean-Pierre Thiollet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean-Pierre Thiollet (Poitiers, 9 dicembre 1956) è uno scrittore francese.

È autore di numerosi libri, tra cui Le Chevallier à découvert (1998), Sax, Mule & Co (2004), Je m'appelle Byblos (2005), Jules Barbey d'Aurevilly ou le triomphe de l'écriture (2006), Carré d'Art: Barbey d'Aurevilly, Byron, Salvador Dalí, Jean-Edern Hallier (2008) e Bodream ou rêve de Bodrum (2010).

È membro della Grande Famiglia mondiale del Libano (RJ Libano Club)[1]. Nel 2005, fu, con Alain Decaux i Frédéric Beigbeder, uno dei maggiori partecipanti al Salone del Libro di Beirut.

Nel 2010, ha firmato una petizione a favore della liberazione di Roman Polanski[2].

Nel 1994, ha collaborato in libro intervista con Gérard Mulliez (La Dynamique du client, Maxima, Parigi, 1994[3] (e 1997[4]).

Bibliografia (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

- Prefazione di Willy, Colette et moi di Sylvain Bonmariage, Anagramme Ed., Parigi, 2004 (nuova edizióne). ISBN 2-914571-60-7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RJLiban
  2. ^ Polanski : la pétition - La Règle du Jeu
  3. ^ http://www.swissbib.ch/TouchPoint/perma.do?v=nose&l=de&q=0=%22061104655%22%20IN%20
  4. ^ https://www.swissbib.ch/Search/Results?lookfor=dynamique+du+client


Controllo di autorità VIAF: 17240927 LCCN: n98080210

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie