Jean-Pierre Petit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Pierre Petit

Jean-Pierre Petit (Choisy-le-Roi, 5 aprile 1937) è uno scienziato ufologo francese, ex direttore in pensione del Centre national de la recherche scientifique e fondatore di Ufo-Science®[1].

È autore di libri a fumetti in lingua francese intitolati Anselme Lanturlu, volti a spiegare i principi della scienza ai bambini ed alle persone senza preparazione scientifica. È autore di un articolo di matematica nel quale spiega come ottenere una Superficie di Boy a partire da una sfera e le implicazioni che derivano dal considerare la sfera (e il pianeta Terra) un solido monolatero.

Attività e reputazione scientifica[modifica | modifica sorgente]

Petit è un pioniere nella magnetoidrodinamica[2]. Ha cominciato lavorare a questo proposito negli anni sessanta, pubblicando in Acta Physica Polonica gli articoli

  • MHD flow-control for hypersonic flight, Non-Equilibrium Plasma Instabilities,
  • Wall Confinement Technique by Magnetic Gradient Inversion. Accelerators Combining Induction Effect and Pulsed Ionization. Applications,
  • Velikhov Electrothermal Instability Cancellation by Modification of Electrical Conductivity Value in a Streamer by Magnetic Confinement in Acta Polytechnica e
  • MHD Aerodynes, with wall confined plasma, electrothermal instability annihilated and stable spiral current pattern per i LAMBDA Laboratories.

Ha apportato contributi anche nel campo dell'astrofisica, illustrati ad esempio in interventi all'Institut des hautes études scientifiques di Bures-sur-Yvette e al CRAS di Parigi.

Petit sostiene che le sue ricerche traggono ispirazione dalle lettere del cosiddetto affare Ummo[3]. A causa di questa ed altre affermazioni Petit ha perso il rispetto di una parte della comunità scientifica. Sostiene appunto che gli alieni del pianeta Ummo hanno contattato tramite lettere dattiloscritte alcune persone selezionate, compreso lui stesso[4].

Afferma che l'aeronautica degli Stati Uniti ora possiede un velivolo incredibilmente veloce, chiamato Aurora, grazie alla ricerca segretamente condotta sulla magnetoidrodinamica. Aurora userebbe un sistema di propulsione convenzionale a turbina alimentato da un flusso di aria ipersonico controllato tramite la magnetoidrodinamica. Petit sostiene inoltre che i militari degli Stati Uniti possiedono una bomba ad antimateria che hanno fatto esplodere con successo sul pianeta Giove. A causa di queste posizioni, non è preso seriamente da molti scienziati francesi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 28 Février 2010 – Sociologie de l’ovni | UFO-SCIENCE
  2. ^ Jean-Pierre Petit, CNRS (France), Magnetohydrodynamics (MHD)
  3. ^ On a perdu la moitié de l'univers, Parigi, 2001isbn=2012789358
  4. ^ Jean-Pierre Petit Ovnis et armes secrètes américaines: L'extraordinaire témoignage d'un scientifique. (UFOs and secret American weapons: An extraordinary testimony from a scientist) ISBN 2-253-11494-4