Jean-Pierre Luminet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Pierre Luminet, 2004

Jean-Pierre Luminet (1951) è un astrofisico, scrittore, poeta e conferenziere francese esperto di fama mondiale di buchi neri e di cosmologia.

È direttore di ricerca presso il CNRS, membro del Laboratoire Univers et Théories (LUTH) e dell’observatoire de Paris-Meudon.[1] Nel 2007 ha vinto il Prix européen de la communication scientifique. Ha partecipato all'edizione 2009 del festival della Scienza all'Auditorium di Roma con un incontro sul destino dell'universo con Fulvio Melia.[2] È autore di varie biografie dedicate a grandi scienziati e matematici, tra le quali Le bâton d’Euclide, Le secret de Copernic, La discorde céleste e L’oeil de Galilée. L'asteroide 5523 Luminet è stato a lui dedicato.[3]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia sono state pubblicate alcune sue opere, tra cui:

  • La segreta geometria del cosmo, Raffaello Cortina Editore, 2004.
  • Finito o infinito? Limiti ed enigmi dell'universo, Raffaello Cortina, 2006.
  • L'invenzione del big bang. Storia dell'origine dell'universo, Dedalo editore, 2006.
  • La parrucca di Newton, La Lepre edizioni, 2011.
  • L'occhio di Galileo, La Lepre edizioni, 2012.
  • Il bastone di Euclide, La Lepre Edizioni, 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Communiqué de presse du CNRS, en date du 13 mars 2008
  2. ^ Jean Pierre Luminet, Fulvio Melia
  3. ^ Discovery Circumstances: Numbered Minor Planets (5001)-(10000)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 49228408 LCCN: n89604009