Jean-Luc Mélenchon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Luc Mélenchon

Jean-Luc Mélenchon (Tangeri, 19 agosto 1951) è un politico francese, fondatore nel 2008 del Partito della sinistra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mélenchon faceva parte della corrente Nuovo Mondo del Partito Socialista. È senatore dal 1986 (per il dipartimento dell'Essonne) ed è stato ministro dal 2000 al 2002.

Per continue divergenze da Ségolène Royal, nel 2008 ha fondato il Partito della Sinistra, di orientamento neo-giacobino ed ecologista. Per le europee del 2009 il partito si è collegato con il Partito Comunista Francese in un Fronte di Sinistra. Queste stesse forze politiche hanno candidato Mélenchon in occasione delle elezioni presidenziali francesi del 2012, dove ha ottenuto l'11% dei voti, posizionandosi al quarto posto tra i vari candidati all'Eliseo.

Il 2 luglio 2014 ha publicato su twitter una critica al presidente del consiglio Matteo Renzi al seguito di una seduta del parlamento europeo. "Matteo Renzi fait le beau au Parlement européen. Il renouvelle l'art de parler pour ne rien dire."

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 228226857 LCCN: n91116354

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie