Jean-Louis Maubant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean Louis Maubant (Le Havre, 25 agosto 1943Lione, 5 settembre 2010) è stato un critico d'arte francese, fondatore nel 1978 del Nouveau Musée di Villeurbanne[1]e sostenitore dell'idea di un museo "senza pareti"[2]. È stato direttore dell'"Institut d'Art Contemporain" di Lione, e ha promosso l'architettura radicale[3][4]. Ha organizzato mostre e attività anche all'estero[5][6].

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Architopia, art, architecture, science, Cultural Centre of Cascais 2001
  • Découpage/collage à propos de Tony Cragg Le Nouveau musée, NDLR, 1982
  • Ambition d'art, Volume 1, Les Presses du réel, 2008
  • Paolini: melanconia ermetica (con Daniel Soutif), Galerie Maeght Lelong, Paris 1985
  • Architecture radicale, Institut d'art contemporain--IAC, Villeurbanne 2001

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Historiens et géographes, Edizioni 298-302 1984
  2. ^ L'art dans toutes ses régions: arts plastiques en France
  3. ^ performarts.net
  4. ^ Archi-cree, Edizioni 297-299, 2001
  5. ^ National Gallery of Canada, 1989
  6. ^ Foundation World Horticultural Exhibition Floriade, 1992