Jean-Claude Schmitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean-Claude Schmitt (Colmar, 4 marzo 1946) è uno storico e medievista francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Già allievo della École nationale des chartes, è professore aggregato presso la stessa istituzione.

È direttore di studi all'École des Hautes Études en Sciences Sociales dal 1983. I suoi principali campi di ricerca riguardano la storia delle immagini e delle rappresentazioni nella civiltà occidentale in epoca medioevale.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Opere disponibili in italiano
  • (con Giovanni Levi), Storia dei giovani, Bari-Roma, Laterza, 1994
  • Spiriti e fantasmi nella società medievale, Bari-Roma, Laterza, 1995 ISBN 978-88-420-4719-3
    • titolo originale: Les revenants. Les vivants et les morts dans la société médiévale'
  • Il gesto nel medioevo, Bari-Roma, Laterza, 1999 ISBN 978-88-420-5838-0
    • titolo originale: La raison des gestes dans l'Occident médiéval
  • Religione, folklore e società nell'Occidente medievale, Bari-Roma, Laterza, 2000 ISBN 978-88-420-6008-6
  • Medioevo superstizioso, Bari-Roma, 2004 Laterza, ISBN 978-88-420-7343-7
    • titolo originale: Les 'superstitions'
  • La conversione di Ermanno l'Ebreo. Autobiografia, storia, finzione, Laterza, 2005, ISBN 978-88-420-7148-8
Opere in francese
  • Le saint lévrier. Guinefort, guérisseur d'enfants depuis le XIIIe siècle, Parigi, Flammarion, 1979.
  • La raison des gestes dans l'Occident médiéval, Parigi, Gallimard, 1990.
  • Les revenants. Les vivants et les morts dans la société médiévale, Parigi, Gallimard, 1994.
  • Le corps, les rites, les rêves, le temps. Essais d'anthropologie médiévale, Parigi, Gallimard, 2001
  • Le corps des images. Essais sur la culture visuelle du Moyen Âge, Parigi, Gallimard, 2002.
  • La conversion d'Hermann le Juif: autobiographie, histoire et fiction, Parigi, Éditions du Seuil, 2003.
  • (con Jacques Le Goff e Franco Alessio), Dictionnaire raisonné de l'Occident médiéval, Parigi, Fayard, 1999 ISBN 978-2-213-60264-6 (ISBN 2-213-60264-6)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 109249554 LCCN: n78054014