Javier Portillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore honduregno, vedi Javier Arnaldo Portillo.
Javier Portillo
Javier Portillo.jpg
Dati biografici
Nome Javier García Portillo
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 182 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Hercules Hércules
Carriera
Giovanili
1994-2001 Real Madrid Real Madrid
Squadre di club1
2001-2002 Real Madrid B Real Madrid B 23 (15)
2002-2004 Real Madrid Real Madrid 28 (6)
2004-2005 Fiorentina Fiorentina 11 (1)
2005 Real Madrid Real Madrid 3 (0)
2005-2006 Club Bruges Club Bruges 24 (8)
2006-2007 Gimnastic Gimnàstic 33 (11)
2007-2009 Osasuna Osasuna 42 (3)
2009-2011 Hercules Hércules 40 (6)
2011-2012 Las Palmas Las Palmas 34 (8)
2012- Hercules Hércules 40 (17)
Nazionale
2002-2003 Spagna Spagna U-21 10 (5)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 dicembre 2012

Javier García Portillo (Aranjuez, 30 marzo 1982) è un calciatore spagnolo, attaccante dell'Hércules.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Da una relazione con Laura Ortíz, figlia del primo azionista dell'Hércules, nell'ottobre del 2012 nasce il suo primo figlio, Tiago.[1]

La nascita di Tiago ebbe importanti conseguenze sulla vita sportiva di Portillo, in quanto il suocero fece forti pressioni per riportare ad Alicante il calciatore, ceduto al Las Palmas nel luglio del 2011.[2][3][4]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dalla stagione 1994-1995 milita nelle giovanili del Real Madrid, entrando nella prima squadra nella stagione 2001-2002: in quell'anno totalizza 23 presenze, realizzando 15 gol.

L'anno seguente, non trovando più spazio nel Real Madrid, viene ceduto in prestito alla Fiorentina:[5] qui segna un gol in 11 presenze e il 13 gennaio torna al Real Madrid; l'anno successivo viene prestato al Bruges, in Belgio.[6]

La stagione successiva passa ai neo-promossi del Gimnàstic de Tarragona,[7][8] dove gioca 33 partite e segna 11 gol; la squadra si piazza all'ultimo posto in classifica e retrocede. Successivamente disputa due stagioni e mezza nell'Osasuna.

Nel 2010 firma un triennale con l'Hércules,[9] squadra neopromossa nella massima serie spagnola con la quale retrocederà a fine anno.

Il 26 luglio 2011 rescinde il contratto con l'Hércules e si accasa al Las Palmas.[10] Nonostante abbia firmato un biennale, dopo pochi mesi decide di accordarsi col club per rescindere il contratto,[11] facendo ritorno all'Hércules il 2 agosto 2012 e firmando un triennale.[12] Quest'ultimo trasferimento è però frutto di polemiche: Portillo aveva infatti intrapreso una relazione con Laura Ortíz, figlia del maggiore azionista dell'Hércules, il quale aveva chiesto al presidente di riprendere il calciatore sotto la volontà della figlia e contro il parere del direttore sportivo Sergio Fernández, accusato di screditare il calciatore[2][3][4] e nonostante i media e Fernández sostengano che Portillo sia tornato ad Alicante per la figlia del presidente, quest'ultimo nega.[2][3][4] Ne nasce un conflitto interno tra il presidente e Fernández[2][3][4], che si conclude a dicembre con il licenziamento dell'allenatore della società Juan Carlos Mandiá per i risultati negativi[13][14] e con il licenziamento di Fernández, reso ufficiale nel marzo del 2013,[15][16] ma che in realtà risale a mesi prima (nessuno aveva rimpiazzato Fernández, che era rimasto effettivamente in carica ma non lavorava[15][16]) proprio per il "caso Portillo".[15][16]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Real Madrid: 2002-2003
Real Madrid: 2003

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Real Madrid: 2001-2002
Real Madrid: 2002
Real Madrid: 2002

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) Nace Tiago, primer hijo de Portillo y Laura Ortiz in Herculescf.laverdad.es, 26 ottobre 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  2. ^ a b c d (ES) "No vuelvo por ser el yerno de Ortiz, soy Javier Portillo" in Futbol.as.com, 4 agosto 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  3. ^ a b c d (ES) «No llego por ser yerno de Ortiz, sino por ser Javier Portillo» in Lasprovincias.es, 4 agosto 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  4. ^ a b c d (ES) Portillo, nuevo jugador del Hércules: "No ficho por ser yerno de Ortiz, sino por ser Portillo" in 20minutos.es, 3 agosto 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  5. ^ Zola resta a Cagliari, Portillo a Firenze in Il Corriere della Sera, 29 luglio 2004. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  6. ^ (ES) Portillo, cedido al Brujas
  7. ^ (ES) Portillo ficha por el Nàstic
  8. ^ (ES) Portillo ficha por el Nástic por los dos próximos años
  9. ^ (ES) Portillo ficha por el Hércules in herculescf.es, 29 dicembre 2009.
  10. ^ (ES) Javier Portillo transferred from Hercules to UD Las Palmas on a free transfer. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  11. ^ (ES) Hercules, torna Portillo, 3 agosto 2012. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  12. ^ (ES) La UD Las Palmas ficha al delantero Portillo por tres temporadas (UD Las Palmas signs forward Portillo for three seasons; Las Palmas' official website, 2 August 2011
  13. ^ (ES) El Hércules destituye a Mandiá pero la decisión será de los administradores, Marca, 21 ottobre 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  14. ^ (ES) Agencia EFE, El Hércules anuncia el despido de Mandiá, El País, 22 ottobre 2012. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  15. ^ a b c (ES) El Hércules despide a Sergio Fernández in Diarioinformacion.com, 1 marzo 2013. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  16. ^ a b c (ES) El Hércules fulmina a Sergio Fernández in Herculescf.laverdad.es, 2 marzo 2013. URL consultato il 10 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (ENESFR) Javier Portillo in FootballDatabase.eu.
  • (DEENIT) Javier Portillo in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  • (ENESCA) Javier Portillo in BDFutbol.com - Base de Datos Histórica del Fútbol Español.