Janelle Monáe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Janelle Monáe
Fotografia di Janelle Monáe
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Indie pop
Funk
Soul
Rap
Dance punk
Periodo di attività 2003 – in attività
Album pubblicati 2
Studio 2
Sito web

Janelle Monáe, nome completo Janelle Monáe Robinson (Kansas City, 1º dicembre 1985), è una cantautrice e ballerina statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Kansas City, si trasferisce a New York per studiare teatro alla American Musical and Dramatic Academy. Inizialmente era intenzionata a perseguire una carriera a Broadway, ma presto cambiò idea indirizzandosi verso la musica, una forma d'arte che, secondo lei, ha il potenziale per cambiare il mondo.

Dopo essersi trasferita ad Atlanta, fonda la Wondaland Arts Society composta da giovani artisti. Sempre ad Atlanta conosce Big Boi degli OutKast, e partecipa all'album Idlewild nelle tracce Call The Law e In Your Dreams. Nel 2007 pubblica il suo primo lavoro solista, l'EP Metropolis. Inizialmente era stato concepito come un concept album in quattro parti, o suite, che dovevano essere distribuiti attraverso il suo sito web e siti di download mp3. Dopo l'uscita della prima parte, Metropolis: Suite I (The Chase) a metà del 2007, questi piani sono stati modificati a seguito della sua firma con l'etichetta di Sean "Diddy" Combs Bad Boy Records, avvenuta nel corso dell'anno.

L'etichetta ha ufficialmente pubblicato la prima suite nell'agosto 2009 reintitolata Metropolis: The Suite Chase (Special Edition), in cui sono stati inseriti due nuovi brani. L'EP è stato ben accolto dalla critica, facendo ottenere alla Monáe una nomination ai Grammy Awards 2009 nella categoria Best Urban/Alternative Performance per il suo singolo Many Moons, e permettendogli di partecipare a festival e aprire i concerti del gruppo indie pop Of Montreal. Ha inoltre aperto alcune date del tour estivo del 2009 dei No Doubt.

Il 18 maggio 2010 viene pubblicato il suo primo album The ArchAndroid, in cui sono state assorbite la seconda e terza suite del progetto Metropolis. The ArchAndroid è un concept album in cui Cindi Mayweather, l'alter ego androide della Monáe - protagonista anche in Metropolis: Suite I (The Chase) - si delinea come una figura messianica nel mondo di Metropolis popolato da androidi[1].

Il progetto della serie Metropolis trae ispirazione da un'ampia gamma di risorse musicali e cinematografiche, tra cui le opere di Hitchcock, Debussy e Philip K. Dick, oltre al film muto Metropolis di Fritz Lang[2][3] che la Monáe cita come "il padrino dei film di fantascienza".

Janelle Monae. Made in america 2012. September 2012. Philadelphia.

Oltre a riprenderne il nome, l'album condivide con l'originario Metropolis lo stile visivo (la copertina dell'album richiama il manifesto iconico del film del 1927), temi sociali e politici attraverso immagini di scenari futuri, smuovendo questioni attuali di pregiudizio e di classe. In tale contesto la protagonista è però introdotta con un effetto diverso. Mentre l'androide Maria di Metropolis rappresenta il male, una forza devastante verso la classe operaia fortemente segregata della città, la musa messianica Cindi immaginata dalla Monáe rappresenta un'interpretazione androide di quella minoranza segregata che la stessa Monae descrive come "... l'Altro. Pure io mi sento, come tutti noi ad un certo punto, nella maggioranza o nella minoranza, considerata come l'Altro".

Nello sviluppo della storia alla base del concept album, ambientata nel 2719, Cindi è una androide che si innamora di un uomo che non può frequentare a causa delle restrizioni imposte dalla società, diventando la paladina di un movimento per sconfiggere il pregiudizio, guidando la gente alla ribellione e alla ricerca della libertà.[4]

Il primo singolo ufficiale estratto da The ArchAndroid è Tightrope, seguito da Cold War. La Monáe ha ricevuto un Vanguard Award dall'ASCAP e il Rhythm & Soul Music Awards nel 2010.[5]

Monae ha interpretato una cover di Smile di Charlie Chaplin su Billboard.com nel Giugno 2010. Nel 2011 ha collaborato con il gruppo musicale indie rock Fun. per il brano We Are Young, che ha raggiunto la vetta della classifica statunitense e ha ottenuto buoni risultati in altri paesi del mondo.[6][7]

Il 10 settembre 2013 viene pubblicato il suo secondo album, intitolato The Electric Lady, anticipato dai singoli Q.U.E.E.N. e Dance Apocalyptic. Il disco contiene anche una collaborazione con Prince nella traccia Givin em what they love . [8]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Janelle Monáe

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Year Premio Categoria Esito
2009 Grammy Awards Miglior interpretazione Urban/Alternative ("Many Moons") Candidatura
2010 ASCAP Awards Premio Vanguard Vinto
MTV Video Music Awards Miglior coreografia ("Tightrope") Candidatura

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Janelle Monae on new album, The Arch Android, YouTube, 11-11-2009. URL consultato il 16-05-2010.
  2. ^ (EN) Pop Goes the Art House, newsweek.com. URL consultato il 07-08-2010.
  3. ^ (EN) Janelle Monae bringing diverse pop platter to the Tower, philly.com. URL consultato il 07-08-2010.
  4. ^ È nata un’androide, ilpost.it. URL consultato il 07-08-2010.
  5. ^ (EN) Janelle Monae - Monae To Receive Ascap Award, contactmusic.com. URL consultato il 07-08-2010.
  6. ^ We Are Young su italiancharts.com. URL consultato il 9 marzo 2012.
  7. ^ (EN) We Are Young su billboard.com. URL consultato il 9 marzo 2012.
  8. ^ Prince: telegramma per Janelle Monáe - Vogue.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 31757465 LCCN: no2006100538