Jane Darwell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jane Darwell, pseudonimo di Patti Woodard (Palmyra, 15 ottobre 1879Woodland Hills, 13 agosto 1967), è stata un'attrice statunitense di cinema e di teatro che, nel 1941, vinse il Premio Oscar come miglior attrice non protagonista.

Avrebbe voluto diventare cantante lirica, ma il padre, presidente delle ferrovie, si oppose. I due vennero a un compromesso e la giovane Patti poté dedicarsi alla recitazione, cambiando il suo nome in quello di Jane Darwell.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di William Robert Woodard e di Ellen Booth, iniziò la carriera di attrice a Chicago, lavorando in teatro. Il debutto sullo schermo risale al 1913 con The Capture of Aguinaldo, un cortometraggio prodotto dalla Bison Motion Pictures.

Interpretò una ventina di pellicole in due anni, prima di ritornare al teatro. Dopo 15 anni, nel 1930, riprese la carriera cinematografica con un ruolo in Tom Sawyer di John Cromwell, il primo di una lunga serie di ruoli da caratterista. Apparve in quel periodo in sei film con Shirley Temple.

Lavorò spesso ancora per il teatro. Nella carriera si possono contare 170 film: l'ultima apparizione fu nel film Disney Mary Poppins, nel ruolo della vecchietta che dà da mangiare ai piccioni.

Morì per un attacco di cuore all'età di 87 anni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Vinse il premio Oscar alla miglior attrice non protagonista nel 1941 per l'interpretazione di Ma Joad in Furore.

Il suo contributo all'industria cinematografica le venne riconosciuto con una stella nella Hollywood Walk of Fame al 6735 di Hollywood Boulevard.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il fuciliere del deserto (1931) - FilmTV.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Hattie McDaniel
per Via col vento
1941
per Furore
Mary Astor
per La grande menzogna

Controllo di autorità VIAF: 10038149 LCCN: n85378408