Jan Wildens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wildens ritratto da Pieter Paul Rubens.

Jan Wildens (Anversa, 1586Anversa, 22 ottobre 1653) è stato un pittore fiammingo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Hendrik Wildens e di Magdalena Vosbergen, Jan rimase orfano di padre in tenera età. La madre si risposò con Cornelis Cock, la cui figlia Susanne sposerà nel 1617 il pittore Cornelis de Vos, fratello di Paul, cognato di Frans Snyders, con cui collaborò.

A dieci anni iniziò l'apprendistato presso Pieter Verhulst ed in seguito entrò nella Corporazione di San Luca.

A partire dal 1613 soggiornò in Italia, soprattutto a Genova e Roma, ove conobbe Pieter Paul Rubens e collaborò con Cornelis de Wael.

Gennaio - Pattinatori sul ghiaccio, Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso, Genova.

Nel 1619 si sposa con Maria Stappaert, venuta a mancare cinque anni dopo, che gli darà due figli, Jan Baptist nel 1620 e Jeremias nel 1621, entrambi divenuti, come il padre, pittori. Jan Baptiste morì nel 1637, mentre il minore morirà nello stesso anno del padre, nel 1653.

Nei suoi lavori fu influenzato dall'arte di Jan Brueghel il Vecchio, Joos de Momper il Giovane e Paul Brill.

Collaborò, oltre che con i già citati de Wael e Snyders, con Jacob Jordaens e Theodoor Rombouts.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d SALA 14-15 Museidigenova.it
  2. ^ SALA 19 Museidigenova.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., Musei di Strada Nuova a Genova, SKIRA, 2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]