Jan Weenix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il pavone bianco (1692)

Jan Weenix (Amsterdam, giugno 1642Amsterdam, 19 settembre 1719) è stato un pittore e disegnatore olandese del secolo d'oro olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del pittore Jan Baptist Weenix, fu inizialmente istruito da questi nell'ambito della pittura[1], assieme al cugino Melchior d'Hondecoeter[2]. Probabilmente terminò anche alcune opere iniziate dal padre[1].

Scimmia e cane con cacciagione morta (1714)

Dopo la morte di questi, rimase ad Utrecht e dal 1664 divenne membro della Corporazione di San Luca, senza peraltro presentare il dipinto richiesto per l'accesso, che fu fornito solo nel 1668[1].

Nel 1667 ereditò un lascito assieme allo zio, il pittore Barent Micker e ad altri membri della famiglia. Ricevette un altro lascito nel 1668, anno del suo matrimonio e nel 1669 fece da testimone per l'inventario del pittore Jacob de Hennin (16291688 c.) a L'Aia. Nel 1675 ricevette la cittadinanza ad Amsterdam, città in cui viveva con la moglie[1].

Jan Weenix seguì lo stile del padre dedicandosi alla pittura di nature morte particolarmente dettagliate, paesaggi e ritratti[3]. Non visitò mai l'Italia, ma dipinse paesaggi italiani come il padre. Si specializzò nella pittura di nature morte con fiori, animali e cacciagione morta[2]. In particolare nei suoi dipinti con cacciagione (dead game), era solito ritrarre vari trofei di caccia nella luminosità rosea del crepuscolo, di solito situati in un parco con sculture classiche o pseudo-classiche, antiche urne e sullo sfondo la veduta di una sontuosa abitazione[2][4]. Questo tipo di opere, per le quali è principalmente noto, era spesso a grandezza naturale e, oltre alla selvaggina morta, era a volte presente un cane vivo[4][5].

Fu suo allievo Theodor Valkenburg, il cui stile era così simile a quello del maestro che alcune sue opere furono erroneamente attribuite a Weenix[4][5][6]. Analogamente accadde ad alcune nature morte e dead games eseguiti dal pittore William Gouw Ferguson, che visse in Olanda per un certo periodo[5].

Jan Weenix lavorò principalmente ad Amsterdam, ma anche a Bensberg e Düsseldorf per il principe elettore Giovanni Guglielmo del Palatinato, per il quale eseguì un'enorme serie di nature morte (1702-1712)[2]. In particolare per la decorazione di due gallerie del castello di Bensberg sul Reno, eseguì opere di grandi dimensioni, la più importante delle quali è La caccia al cinghiale, dove in primo piano sono rappresentati un cervo, due lepri, un lupo, un cinghiale selvaggio, tutti morti, con la caccia al cinghiale in distanza. Quest'opera è eccezionale per l'armonia della parti, la ricchezza di particolari e la notevole completezza[4].

Sue opere sono presenti ad Amsterdam (Rijksmuseum), Augusta, Barnsley, Città del Capo, Dresda, L'Aia, Londra, Monaco di Baviera, New York (Metropolitan Museum), Oxford, Parigi (Petit Palais), Toronto[2].

I suoi dipinti, caratterizzati spesso da una mescolanza di generi, anticipano l'avvento del Rococò (vedi i dead games con natura morta immersa in un paesaggio con parchi, antichità e sontuosi edifici oppure il Porto del Sud con venditrice di ninnoli, dove il paesaggio italianeggiante immerso nella luce calda meridionale con antiche sculture, presenta in primo piano una natura morta con frutta e cacciagione e varie figure).[7].

Fu considerato uno dei migliori pittori olandesi di nature morte con animali del suo tempo[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d The Grove Dictionary of Art
  2. ^ a b c d e f g h i The Web gallery of Art
  3. ^ Jan Baptist Weenix - Web gallery of Art
  4. ^ a b c d Handbook of painting
  5. ^ a b c A History of Painting
  6. ^ a b A classified synopsis of the principal painters of the Dutch and Flemish Schools
  7. ^ Museo del Louvre
  8. ^ Dopo la caccia - Commons
  9. ^ Lepre morta e pernici - Web gallery of Art
  10. ^ a b Catalogue of the collection of Robert Napier
  11. ^ Il pavone bianco - Commons
  12. ^ Agnes Block in Flora batava - Commons
  13. ^ Allegoria senso dell'olfatto - Commons
  14. ^ Pietro I
  15. ^ Porto del Sud
  16. ^ Scimmia e cane con cacciagione morta - Commons
  17. ^ Natura morta con trofei di caccia - Commons
  18. ^ Fagiano e pernice grigia in un parco presso una fontana - Commons

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Haldane Macfall, A History of Painting: The Dutch Genius Part Five, 2004, pagg.243-244
  • Franz Kugler,Gustav Friedrich Waagen, Handbook of painting: The German, Flemish, and Dutch schools, Vol.II, John Murray, Londra, 1860, pagg.423-424
  • Robert Napier,John Charles Robinson, Catalogue of the works of art forming the collection of Robert Napier, Londra, 1865, pag.42
  • George Stanley, A classified synopsis of the principal painters of the Dutch and Flemish Schools, Henry Bohn, Londra, 1855, pagg.191-192-201-202-205-348

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 3418136 LCCN: nr2003020850