Jan Valtin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jan Valtin nel 1950.

Jan Valtin, pseudonimo di Richard Julius Hermann Krebs, (Magonza, 17 dicembre 1905Contea di Kent, 1 gennaio 1951), è stato un agente segreto tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu un comunista tedesco che partecipò giovanissimo, nel 1918, all'ammutinamento della flotta di Kiel che segnò l'inizio della rivoluzione in Germania e la fine della prima guerra mondiale. Nel 1923 fu presente all'insurrezione di Amburgo. Successivamente entrò a far parte della GPU. Arrestato e torturato nella Germania nazista, fu contattato in prigione dalla GPU e gli fu ordinato di fingersi agente doppiogiochista della Gestapo. I nazisti abboccarono ma trattennero sua moglie in ostaggio. Entrato in contrasto con gli stalinisti, fu sequestrato e tradotto in Unione Sovietica. Riuscito a fuggire si rifugiò negli Stati Uniti. Per vendetta gli stalinisti denunciarono pubblicamente il suo ruolo di agente doppiogiochista cosicché i nazisti, vistisi giocati, uccisero sua moglie. Morì nel 1951.

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie