James Ware

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Jim Ware.
Koko B. Ware
Fotografia di {{{nome}}}
Nome James Ware
Ring name Koko B. Ware
Sweet Brown Sugar
Stagger Lee
The Birdman
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Union City (Tennessee)
20 giugno 1957
Altezza dichiarata 1.73 cm
Peso dichiarato 110 kg
Debutto 1979
Progetto Wrestling

James Ware (Union City, 20 giugno 1957) è un wrestler statunitense semi-ritirato noto con lo pseudonimo di Koko B. Ware.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Koko B. Ware in un house of show.

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Koko trascorse i suoi primi anni di carriera nei territori NWA del Mid-South, Georgia ed altri. Durante i primi anni di carriera ha impersonato i personaggi di "Sweet Brown Sugar" e di "Stagger Lee" in periodi diversi. Ha combattuto in coppia con Norvell Austin come "Pretty Young Things" oppure "PYT Express" a Dallas, Florida e Memphis. Prima di essere assunto dalla WWF, Ware riscosse un discreto successo lottando in tag team: con Bobby Eaton nella Continental Wrestling Association e con Norvell Austin in diverse altre federazioni.

World Wrestling Federation (1986-1994)[modifica | modifica sorgente]

Debutto (1986)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986, Koko fece la sua prima apparizione nella WWF, debuttando il 6 settembre nel corso di una puntata di WWF Superstars of Wrestling. Qui guadagnò molta della sua popolarità lottando con il soprannome di Birdman; Ware era solito arrivare sul ring con il suo pappagallo giallo e blu di nome Frankie, muovendo le sue braccia come un uccello prima e dopo il match come danza caratteristica.

Vestiti sgargianti, occhiali da sole colorati, un costante sorriso sulle labbra e il suo carisma sul ring resero ben presto Koko uno dei personaggi più celebri della federazione, specialmente presso il pubblico più giovane.[1] Nonostante ciò, non raggiunse mai traguardi importanti nella compagnia, venendo presto relegato al ruolo di semplice comprimario.

Midcard (1986-1992)[modifica | modifica sorgente]

Il primo show importante al quale prese parte Koko in WWF fu l'edizione del 29 novembre 1986 di Saturday Night's Main Event dove sconfisse Nikolai Volkoff.[2] Ware, tuttavia, spesso perdeva gli incontri che lo vedevano confrontarsi con altre stelle della federazione, solitamente dei wrestler heel, come Butch Reed, Greg Valentine, o The Big Boss Man.[3][4][5] Dal 1987 al 1993 Koko apparve in svariati ppv WWF (inclusa WrestleMania III dove perse un match contro Reed) dove veniva utilizzato come jobber da far sconfiggere a qualche stella in ascesa della compagnia. In alcuni tag team match registrati per il programma Wrestling Challenge, Koko B. Ware lottò contro Orient Express e Beverly Brothers in coppia con jobber quali Ian Weston e Ricky Rice. Nell'ottobre 1989 venne momentaneamente licenziato dalla WWF dopo una rissa con il dirigente Jim Troy. Durante un tour in Europa, i due vennero alle mani in un hotel dopo che Troy aveva insultato Koko con epiteti razzisti. Koko venne reintegrato nelle federazione quando Troy rassegnò le sue dimissioni.[6]

High Energy e fuoriuscita (1992-1994)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992, Koko iniziò a lottare in coppia con Owen Hart in un tag team denominato High Energy ad alto tasso di spettacolarità specializzato in mosse aeree. Gli High Energy ebbero dei feud (tutti persi) con Nasty Boys, Money Inc., e The Headshrinkers.[7] L'unica apparizione nel corso di un ppv della coppia, avvenne in occasione delle Survivor Series 1992, quando perse contro gli Headshrinkers.[8] Il team si sciolse nel 1993 a causa di un infortunio rimediato da Hart al ginocchio. Dopo la fine degli High Energy, Koko fu nuovamente utilizzato come jobber per mettere in luce altri talenti, perdendo incontri a catena contro gente come Yokozuna, Doink the Clown, Skinner, Jeff Jarrett ed anche l'ex partner Owen Hart prima di lasciare la compagnia nel 1994.[9][10]

United States Wrestling Association (1991-1995)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 la WWF e la United States Wrestling Association iniziarono uno scambio di talenti reciproco che diede la possibilità a Koko B. Ware di tornare a combattere a Memphis (stessa zona degli inizi, ma federazione differente). Nell'USWA, Koko riscosse maggiori successi che in WWF, riuscendo ad aggiudicarsi per ben due volte il titolo mondiale USWA World Title, sconfiggendo prima Kamala "The Ugandan Giant" e successivamente l'icona della federazione Jerry Lawler. Inoltre Koko, lottando in coppia con Rex Hargrove, vinse anche l'USWA Tag Team Championship. Koko B. Ware lottò nell'USWA fino al suo semi-ritiro dal wrestling nel 1995.

Periodo successivo[modifica | modifica sorgente]

Koko B. Ware nel Circuito Indipendente.

Dal 2003, Koko ha combattuto attivamente nella Memphis Wrestling. Egli è anche apparso a "WWE Homecoming", Il ritorno di RAW a USA Network, il 3 ottobre, 2005.

Ha affrontato ed ha perso contro Rob Conway il 28 ottobre, 2005 nell'edizione di WWE Heat. ha combattuto anche in una federazione dell'Indiana conosciuta come AWA-Supreme Championship Wrestling dove ha combattuto contro gente come Eric Draven e The Blackhearts.

Nel 2009 Koko B. Ware viene introdotto nella prestigiosa WWE Hall of Fame.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il pappagallo Frankie morì in un incendio in hotel nel 2001 mentre Koko e la sua famiglia erano in chiesa. Koko, in onore di Frankie, inizialmente non lo sostituì con un altro volatile.
  • Koko è stato il primo wrestler a restare vittima del Tombstone Piledriver di Undertaker durante il match di debutto in WWF del becchino. Erano le Survivor Series 1990 dove Undertaker fu il quarto membro del million dollar team composto da Ted Dibiase, The Honky Tonk Man e Greg 'The Hammer' Valentine. Koko subì la Tombstone nelle primissime fasi del match.

Nel wrestling[modifica | modifica sorgente]

Mossa finale[modifica | modifica sorgente]

Koko B. Ware nel 2009 durante la sua introduzione nella WWE Hall of Fame

Mosse caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Manager[modifica | modifica sorgente]

Soprannomi[modifica | modifica sorgente]

  • "The Birdman"
  • "The Holy Ghost"

Musiche d'entrata[modifica | modifica sorgente]

Titoli e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Pro Wrestling Illustrated

United States Wrestling Association

World Wrestling Entertainment

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brian Shields, Main event – WWE in the raging 80s, 4th, Pocket Books, 2006, ISBN 978-1-4165-3257-6.
  2. ^ prowrestlinghistory.com, WWF Saturday Night’s Main Event Results (#8). URL consultato il 4 marzo 2007.
  3. ^ prowrestlinghistory.com, WWF WrestleMania Results (III). URL consultato il 4 marzo 2007.
  4. ^ prowrestlinghistory.com, WWF Saturday Night’s Main Event Results (#14). URL consultato il 4 marzo 2007.
  5. ^ prowrestlinghistory.com, WWF SummerSlam Results (1988). URL consultato il 4 marzo 2007.
  6. ^ Hart, Bret, Hitman: My Real Life in the Cartoon World of Wrestling, Grand Central Publishing, 2008.
  7. ^ Graham Cawthorn, the History of the WWE: WWF Match Results 1992. URL consultato il 4 marzo 2007.
  8. ^ prowrestlinghistory.com, WWF Survivor Series Results (1992). URL consultato il 4 marzo 2007.
  9. ^ Graham Cawthorn, the History of the WWE: WWF Match Results 1993. URL consultato il 1º maggio 2013.
  10. ^ Graham Cawthorn, the History of the WWE: WWF Match Results 1994. URL consultato il 1º maggio 2013.
  11. ^ Jimmy Hart profile, Online World of Wrestling. URL consultato il 4 settembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling