James Spithill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Spithill
James Spithill 4.JPG
Dati biografici
Nazionalità Australia Australia
Vela Sailing pictogram.svg
Statistiche aggiornate al 28 maggio 2007

James Spithill (Sydney, 28 giugno 1979) è un velista australiano.

Talento precoce, dopo aver vinto alcuni titoli juniores di match race, nel 1998 arriva terzo alla Sydney Hobart e vince in seguito la Kenwood Cup. Da qui comincia una lunga serie di successi: la Pedrini Cento Cup (2000 e 2003), il BluRimini Match Race (2001 e 2004), il Trofeo Trombini (2002, 2004 e 2007, portandoselo definitivamente a casa essendo stato il primo ad aggiudicarsi per tre volte il Challenge) e la prestigiosa Nations' Cup (2003 e 2004), arrivando anche secondo nel 2003 al mondiale di match race.

James Spithill ha preso parte a tre edizioni di America's Cup: nel 2000 con Young Australia, diventando il più giovane timoniere della storia dell'America's Cup, nel 2003 con OneWorld e nel 2007 con il team Luna Rossa Challenge di cui è diventato il timoniere titolare (sostituendo Francesco De Angelis, che è rimasto comunque nell'equipaggio con il ruolo di skipper) e con la quale ha raggiunto la finale della Louis Vuitton Cup 2007, persa però contro Team New Zealand con un secco 5 a 0. Dopo l'abbandono, poi rientrato, del team italiano dalla manifestazione, è stato ingaggiato come secondo timoniere di BMW Oracle, alle spalle dell'olimpionico Russell Coutts.

Spithill è attualmente decimo nella classifica ISAF[1] World Match Race.

Nel 2010 partecipa da timoniere alla sua 4° America's Cup, vincendola con la sua Bmw Oracle Racing.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ James Spithill - International Sailing Federation

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]