James Spithill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Spithill
James Spithill 4.JPG
Nazionalità Australia Australia
Vela Sailing pictogram.svg
Statistiche aggiornate al 28 maggio 2007

James Spithill (Sydney, 28 giugno 1979) è un velista australiano.

Talento precoce, dopo aver vinto alcuni titoli juniores di match race, nel 1998 arriva terzo alla Sydney-Hobart e vince in seguito la Kenwood Cup. Da qui comincia una lunga serie di successi: la Pedrini Cento Cup (2000 e 2003), il BluRimini Match Race (2001 e 2004), il Trofeo Trombini (2002, 2004 e 2007, portandoselo definitivamente a casa essendo stato il primo ad aggiudicarsi per tre volte il Challenge) e la prestigiosa Nations' Cup (2003 e 2004), arrivando anche secondo nel 2003 al mondiale di match race.

James Spithill ha preso parte a tre edizioni di America's Cup: nel 2000 con Young Australia, diventando il più giovane timoniere della storia dell'America's Cup, nel 2003 con OneWorld e nel 2007 con il team Luna Rossa Challenge di cui è diventato il timoniere titolare (sostituendo Francesco De Angelis, che è rimasto comunque nell'equipaggio con il ruolo di skipper) e con la quale ha raggiunto la finale della Louis Vuitton Cup 2007, persa però contro Team New Zealand con un secco 5 a 0. Dopo l'abbandono, poi rientrato, del team italiano dalla manifestazione, è stato ingaggiato come secondo timoniere di BMW Oracle, alle spalle dell'olimpionico Russell Coutts.

Spithill è attualmente decimo nella classifica ISAF[1] World Match Race.

Nel 2010 partecipa da timoniere alla sua 4° America's Cup, vincendola con la sua Bmw Oracle Racing.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James Spithill - International Sailing Federation

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]