James J. Couzens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James J. Couzens
James Couzens.jpg

Sindaco di Detroit
Durata mandato 1919 –
1922
Predecessore Oscar Marx
Successore John C. Lodge

Senatore degli Stati Uniti
Durata mandato 29 novembre 1922 –
22 ottobre 1936
Predecessore Truman H. Newberry
Successore Prentiss M. Brown

Dati generali
Partito politico Partito Repubblicano

James J. Couzens (Chatham, Ontario, 26 agosto 1872Detroit, 22 ottobre 1936) è stato un politico statunitense, sindaco di Detroit e Senatore degli Stati Uniti per il Michigan.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Couzens nacque a Chatham, Ontario, Canada nel 1872, figlio del fabbricante di sapone James e Emma Clift Couzens.[1] Frequentò le scuole pubbliche di Chatham e si iscrisse alla facoltà di economia.[1][2] Si trasferì a Detroit, Michigan nel 1890 e lavorò come ispettore di carrozze ferroviarie per la New York Central Railroad dal 1890 al 1897.[2] La diligenzia di Couzens nelle ferrovie fu notata da Alexander Y. Malcomson, che assunse il giovane come impiegato nella sua impresa di carbone.[1] Couzens lavorò per Malcomson dal 1897 al 1903.[2]

Nel 1898, Couzens sposò Margaret Manning.[1] La coppia ebbe sei figli: un figlio nato nel 1899 che morì nell'infanzia; Homer Couzens, nato nel 1900; Frank Couzens (poi sindaco di Detroit),[3] nato nel 1902; Madeline, nata nel 1904; Margo, nata nel 1910, ed Edith, nata nel 1911.[1]

Associazionismo con Henry Ford[modifica | modifica sorgente]

Nel 1902, Henry Ford stava organizzando la sua Ford Motor Company; Alexander Malcomson era un importante stakeholder dell'azienda.[1] I due stavano cercando altri stakeholders; Couzens chiese molti prestiti ed investì 2500 dollari nella nuova azienda.[1] La Ford Motor Company fu fondata nel 1903 con John S. Gray come presidente, Ford vicepresidente, Malcomson tesoriere, e Couzens come segretario.[1] Couzens fu messo a capo della gestione degli affari della nuova compagnia per uno stipendio di 2400 dollari.[1] Nel 1906, Gray morì e Malcomson fu messo fuori dall'impresa, Couzens divenne vice presidente e direttore generale dell'azienda.[1] L'azienda rese ricchi sia Ford che Couzens, grazie anche all'acume finanziario di Couzens.[1] Tuttavia, i due presero gradualmente due diverse strade, e nel 1915 Couzens si dimise da direttore generale, sebbene mantenesse un posto nel Consiglio d'Amministrazione.[1] Nel 1919, Ford comprò le azioni di Couzens per 30 milioni di dollari.[1]

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

James Couzens fu presidente della Bank of Detroit e direttore della Detroit Trust Company.[2] Fu commissario delle tramvie dal 1913 al 1915 e del dipartimento di polizia metropolitana dal 1916 al 1918.[2] Fu sindaco di Detroit dal 1919 al 1922.[2] Da sindaco, Couzens fece installare i tram su rotaie in città.

Miscellanea[modifica | modifica sorgente]

Quando gli fu chiesto come si pronunciasse il suo nome, lui rispose al Literary Digest: "Viene pronunciato esattamente come la parola cousins." [4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Ford Richardson Bryan, Henry's lieutenants, Wayne State University Press, 1993, pp. 67–73, ISBN 0-8143-3213-7.
  2. ^ a b c d e f Template:CongBio
  3. ^ Mayors of the City of Detroit, Detroit Public Library, 2006. URL consultato il 7 settembre 2010.
  4. ^ Charles Earle Funk, What's the Name, Please?, Funk & Wagnalls, 1936.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • American National Biography
  • Dictionary of American Biography
  • Barnard, Harry. Independent Man: The Life of James Couzens, New York, Charles Scribner's Sons, 1958. Republished by Detroit: Wayne State University Press, 2002. ISBN 0-8143-3085-1
  • U.S. Congress. Memorial Services Held in the House of Representatives of the United States, Together with Remarks Presented in Eulogy of James Couzens, Late a Senator from Michigan. 75th Cong., 1st sess., 1937. Washington, D.C.: Government Printing Office, 1938.