James Harris, I conte di Malmesbury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Harris, I conte di Malmesbury
James Harris, I conte di Malmesbury
Conte di Malmesbury
In carica 1800 –
1820
Successore James Harris, II conte di Malmesbury
Altri titoli barone di Malmesbury
visconte Fitzharris
Nascita Salisbury, Wiltshire, 21 aprile 1746
Morte 21 novembre 1820
Dinastia Harris
Padre James Harris
Madre Elizabeth Clarke
Consorte Harriot Mary Amyand

James Harris, I conte di Malmesbury (Salisbury, 21 aprile 174621 novembre 1820) è stato un diplomatico inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio di James Harris, un parlamentare e l'autore di Hermes, e di sua moglie, Elizabeth Clarke di Sandford[1]. Studiò a Winchester, Oxford e Leiden.

Carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Fu deputato per Christchurch (1770-1774 e 1780-1788). Ha ricoperto la carica di luogotenente di Hampshire (1807-1830).

Carriera diplomatica[modifica | modifica sorgente]

Spagna (1768-1771)[modifica | modifica sorgente]

Harris arrivò in Spagna nel dicembre 1768 e divenne segretario dell'ambasciata britannica a Madrid. Questo intervallo gli diede una occasione nella quale scoprì l'intenzione della Spagna di attaccare le Isole Falkland. Come premio è stato nominato ministro ad interim a Madrid.

Berlino (1772-1776)[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio 1772 Harris è stato nominato inviato straordinario a Berlino. Nel giro di un mese del suo arrivo è diventato il primo diplomatico a sentire la spartizione della Polonia da parte di Federico il Grande, con la collaborazione della Russia[1].

San Pietroburgo (1777-1783)[modifica | modifica sorgente]

Nell'autunno del 1777, Harris si recò in Russia, dove ricoprì la carica di inviato, carica che mantenne fino al 1783. Nel 1782 ritornò a casa a causa dei suoi problemi di salute, ed è stato nominato dal suo amico, Charles James Fox, ministro a L'Aia.

L'Aia (1784-1788)[modifica | modifica sorgente]

Fece un ottimo lavoro riguardante le politiche di William Pitt il Giovane nel mantenere l'influenza dell'Inghilterra sul continente dalla parte dei suoi alleati. In riconoscimento dei suoi servizi è stato creato barone Malmesbury.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 28 luglio 1777, Harriet Mary Amyand (1761-20 agosto 1830), figlia di Sir George Amyand e Anne Mary Korteen. Ebbero quattro figli:

  • James Harris, II conte di Malmesbury (19 agosto 1778-10 settembre 1841);
  • Lady Frances Harris (?-1 novembre 1847), sposò Sir Galbraith Lowry Cole, ebbero un figlio;
  • Lady Catherine Harris (?-1855), sposò Sir John Bell, non ebbero figli:
  • reverendo Thomas Alfred Harris (24 marzo 1782-15 dicembre 1823), sposò Mary Markham, ebbero tre figli.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Dopo il 1797, divenne parzialmente sordo, e terminò la sua carriera diplomazia del tutto, e nel 1800 creato conte di Malmesbury e visconte Fitzharris.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Bagno

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b H. M. Scott, ‘Harris, James, first earl of Malmesbury (1746–1820)’, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004; online edn, May 2009, accessed 7 Aug 2011.