James Gibson (psicologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James Jerome Gibson (McConnelsville, 27 gennaio 1904Ithaca, 11 dicembre 1979) è stato uno psicologo statunitense. Influenzato dalle teorie comportamentiste e dall'incontro con Koffka, è considerato uno dei più importanti psicologi del XX secolo nel campo della percezione visiva. Dal 1949 al 1972 insegnò alla Cornell University. Studiando la percezione per conto dell'aeronautica militare degli USA durante la seconda guerra mondiale, sviluppò l'idea che negli oggetti in movimento esistono maggiori stimoli visivi rispetto a quelli statici. Inaugurò una nuova matrice di ricerca in campo percettivo che definì ottica ecologica. I suoi concetti fondamentali sono la percezione non mediata da altri processi mentali, di invarianti percettivi che rimangono costanti al variare della percezione. Nonostante critiche da parte di altri psicologi (Ullman e Marr) l'approccio ecologico divenne un fattore fondamentale per i successivi studi sulla percezione: essa non verrà più studiata solamente in ambito strettamente di laboratorio ma soprattutto in circostanze ambientali quotidiane.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • The perception of the visual world, Cambridge, Mass., Riverside press, 1950
  • The senses considered as perceptual systems, Houghton Mifflin, 1968, ISBN 0-313-23961-4
  • The ecological approach to visual perception, Houghton Mifflin, Boston, 1979, ISBN 0-89859-959-8 (1986), Trad. it. Un approccio ecologico alla percezione visiva, Il Mulino, Bologna, 1999

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12396941 LCCN: n80009918

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie