James Craig Watson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
L'effigie di James Craig Watson sulla medaglia Watson

James Craig Watson (Fingal, 28 gennaio 183822 novembre 1880) è stato un astronomo canadese-statunitense.

Nato a Fingal, nello stato canadese dell'Ontario, si trasferì all'età di dodici anni ad Ann Arbor, nel Michigan.

All'età di quindici anni si immatricolò presso l'Università del Michigan, dove studiò lingue classiche e si specializzò in astronomia sotto la supervisione del professor Franz Brünnow.

Fu il secondo direttore dell'Osservatorio di Detroit (dal 1863 al 1879); succedette allo stesso Brünnow. Nel 1868 redasse un libro di testo, Theoretical Astronomy.

Morì di peritonite all'età di appena quarantadue anni. Con i proventi delle sue notevoli attività commerciali, come da testamento, venne istituita la medaglia James Craig Watson, attribuita ogni tre anni dalla National Academy of Science per i maggiori contributi nel campo dell'astronomia.

Attività astronomica[modifica | modifica wikitesto]

Watson individuò nel corso della sua carriera 22 asteroidi, a partire dal 1863, con la scoperta di 79 Eurynome. Degna di nota è la scoperta di 139 Juewa, avvenuta a Pechino, dove l'astronomo si era recato per osservare il transito di Venere del 1874; il nome Juewa (瑞華; in pinyin, ruìhuá) fu scelto dalle autorità cinesi.

L'asteroide 729 Watsonia è stato così battezzato in suo onore.

Watson credeva fermamente nell'esistenza di Vulcano, un pianeta ipotetico che orbitasse attorno al Sole all'interno dell'orbita di Mercurio; ritenne addirittura di aver osservato due corpi di questo tipo durante l'eclisse di Sole del luglio 1878 dal Wyoming.

Prospetto degli asteroidi[modifica | modifica wikitesto]

Asteroide Data della scoperta
79 Eurynome 14 settembre 1863
93 Minerva 24 agosto 1867
94 Aurora 6 settembre 1867
100 Hekate 11 luglio 1868
101 Helena 15 agosto 1868
103 Hera 7 settembre 1868
104 Klymene 13 settembre 1868
105 Artemis 16 settembre 1868
106 Dione 10 ottobre 1868
115 Thyra 6 agosto 1871
119 Althaea 3 aprile 1872
121 Hermione 12 maggio 1872
128 Nemesis 25 novembre 1872
132 Aethra 13 giugno 1873
133 Cyrene 16 agosto 1873
139 Juewa 10 ottobre 1874
150 Nuwa 18 ottobre 1875
161 Athor 19 aprile 1876
168 Sibylla 28 settembre 1876
174 Phaedra 2 settembre 1877
175 Andromache 1º ottobre 1877
179 Klytaemnestra 11 novembre 1877

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • In Search of Planet Vulcan, The Ghost in Newton's Clockwork Machine, Richard Baum e William Sheehan, 1997, ISBN 0-306-45567-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59864803 LCCN: n86858998