James C. Lucas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James C. Lucas.

James "Tex" Lucas (Contea di Midland, 11 giugno 1912Sacramento, 21 novembre 1998) è stato un criminale statunitense.

Fu condannato all'ergastolo presso la prigione di Alcatraz, dove vi arrivò nel 1935, l'anno che seguiva l'apertura di Alcatraz come carcere federale. Morì il 21 novembre 1998.

Attività[modifica | modifica sorgente]

Lucas, all'inizio, fu condannato a trent'anni di reclusione, per rapine in banca e furti d'auto. Arrivò ad Alcatraz nel gennaio del 1935, trasferito dalla prigione statale del Texas e gli fu attribuito il nomignolo di James "Texas Bank Robber" Lucas (James "Ladro di Banche del Texas" Lucas). Era il prigioniero numero 224.

L'attacco ad Al Capone[modifica | modifica sorgente]

James "Tex" Lucas viene ricordato come "L'uomo che ha cercato di uccidere Al Capone". Infatti, il 23 giugno 1936, nelle docce della prigione di Alcatraz, Lucas cercò di pugnalare a morte Al Capone con un paio di forbici prese dal negozio del barbiere della prigione, ma quest'ultimo riportò solo delle ferite superficiali alle mani; fu accompagnato all'ospedale della prigione ed il giorno seguente dimesso, continuando i suoi doveri regolari. Lucas fu trasferito in una cella di isolamento.

Tentativo di fuga[modifica | modifica sorgente]

Nella primavera del 1938, Lucas, Thomas Limerick e Rufus “Whitey” Franklin, progettarono una fuga dalla prigione; il piano cominciò ma i tre furono presto sorpresi dalla guardia di custodia, l'agente Royal C. Cline. La guardia fu presto stordita dai tre carcerati, con dei colpi di martello sulla testa; questi scapparono attraverso una finestra e scesero fino alla spiaggia dove l'agente Harold P. Stites sparò; Limerick morì mentre Franklin e Lucas furono catturati e rinchiusi nelle celle d'isolamento dove ci rimasero rispettivamente 14 e 6 anni. La guardia di custodia morì a causa di trauma cranico il giorno successivo.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Lucas venne trasferito e rilasciato sulla parola nel 1958 ma ben presto tornò in cella a McNeil Island per la violazione dei termini per la libertà. Venne definitivamente scarcerato usufruendo di una riduzione della pena. Si sposò ed ebbe quattro figli. Nel 1998, il 21 novembre, morì.

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie