James Barry Munnik Hertzog

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Barry Munnik Hertzog

James Barry Munnik Hertzog (Soetendal, 6 aprile 1866Pretoria, 21 novembre 1942) è stato un generale e politico sudafricano. Fu considerato uno dei maggiori leader militari della seconda guerra boera e Primo Ministro dell'Unione Sudafricana. Fu chiamato James Barry in onore del chirurgo irlandese James Barry, il primo chirurgo ad aver praticato il taglio cesareo ad una partoriente con successo (madre e figlio sopravvissero); l'intervento ebbe luogo proprio in Sudafrica nel 1826.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

James Barry Munnik (JBM) Hertzog è nato a Soetendal nei pressi di Wellington il 6 aprile 1866. Hertzog fu l'ottavo figlio di Johannes Albertus Munnik Hertzog, discendente di un immigrato tedesco Johann Barthold Hertzog e sua moglie Maria Jacoba Hamman. Frequentò la prima scuola a Kimberley dove manifestò una profonda avversione per i minatori stranieri, soprattutto inglesi. Nel 1881 fu mandato, insieme ai suoi fratelli, a Stellenbosch per proseguire gli studi. Sviluppò un forte interesse per la politica e fu un sostenitore dell'indipendenza del Transvaal dagli inglesi.

Nel 1889 si laureò presso il Victoria College in Inghilterra e nell'agosto dello stesso anno, si trasferì in Olanda per studiare giurisprudenza presso l'Università di Amsterdam. Hertzog, rimase molto deluso dalle leggi inglesi che danneggiarono gli Afrikaner e ciò lo convinse a cambiare l'indirizzo degli studi universitari da teologia a legge in quanto ritenne essere più utile per i suoi compagni. La sua tesi di dottorato nel 1882 era intitolata De Income-Bond, Zijn rechtskarakter en de waarde zinjner economische en juridische beginzelen. Non poté praticare la sua professione nel Capo in quanto era iscritto nel ruolo del Transvaal. Si affermò come avvocato a Pretoria nel 1883. L'anno successivo sposò Wilhelmina Jacoba (Mynie) Neethling che conobbe a Stellenbosch e da cui ebbe tre figli.

Nel 1885 fu eletto giudice nello Stato Libero dell'Orange (OFS) e fece amicizia con il presidente M.T. Steyn. Con lo scoppio della Seconda Guerra Boera nell'ottobre del 1899 si trasferì, con il permesso di M.T.Steyn, a Kimberley per fare da consulente alle forze dell'OFS. Poco prima della sconfitta boera, fu nominato comandante in campo. Fu uno dei firmatari del Trattato di pace di Vereeniging firmato presso Melrose House a Pretoria.

Nel 1904 iniziò la sua vita politica dove si mise in luce per il suo carisma. Nel 1907 vinse con ampio margine le elezioni nella circoscrizione di Smithfield dove fu eletto deputato. Rappresentò questo collegio per trentatré anni consecutivi. Divenne Ministro dell'Istruzione dell'OFS dove fu incaricato di elaborare un programma bilingue per l'uguaglianza tra inglesi e Afrikaner. Ciò provocò molte proteste, tra gli insegnanti, in quanto non erano bilingue. Pur tra queste proteste, il processo di unificazione delle quattro provincie continuò ed Hertzog fu uno dei delegati alla convenzione nazionale del 1908-1909. Nel 1909, Hertzog e Steyn si recarono a Londra come membri della delegazione del Sudafrica ad osservare i lavori del parlamento inglese durante la stesura del South African Act che portò alla nascita dell'Unione Sudafricana (31 maggio 1910).

L'anno successivo fu eletto ministro della giustizia e ministro per la politica dei nativi africani, della nuova nazione. Il 14 ottobre 1912, nella città di Smithfield, pronunciò un discorso a favore del nazionalismo Afrikaner al di fuori delle leggi britanniche. Allo scoppio della Prima guerra mondiale, essendo di origine tedesca, si oppose all'ingresso della nazione in guerra e condivise la ribellione del 1914 capeggiata dal generale Maritz. Con una delegazione si recò in Inghilterra per presentare le sue ragioni al primo ministro Lloyd George ma poiché non ebbe un mandato ufficiale da parte del primo ministro sudafricano non poté parlare a nome del suo paese di questioni di politica internazionale.

Statua di JBM Hertzog presso i giardini di Union Buildings a Pretoria.

Dopo le elezioni del 1914 il South African Party di Jan Smuts si trovò impossibilitato a governare senza l'appoggio del National Party. I numerosi tentativi di trovare un accordo sfumarono per l'opposizione di Hertzog. Durante la Ribellione del Rand del 1922 nel Witwatersrand, Hertzog e FHP Creswell, dirigente del South African Labour Party (Partito Laburista Sudafricano), sostennero gli scioperanti contro il governo di Jan Smuts. Questa collaborazione portò ad un accordo politico che sfociò con una vittoria alle elezioni politiche del 1924. Hertzog divenne il nuovo primo ministro ed incluse due ministri laburisti nel suo gabinetto di governo.

Partecipò alla Conferenza Imperiale che si concluse con la Dichiarazione di Balfour nel 1926 e successivamente, fu determinante per la costituzione del South African Iron and Steel Industrial Corporation (ISCOR).

Nel 1929, pur essendosi separato dal partito laburista, il National Party vinse le elezioni ed Hertzog riuscì a formare un governo senza l'appoggio di altri partiti. A causa della crisi economica, a seguito della Grande depressione, seguì una profonda crisi politica che portò, nel 1934, alla nascita dello United South African National Party (United Party). Questo partito nacque dalla fusione tra il National Party di Hertzog ed il South African Party di Jan Smuts.

Nel 1940 si ritirò dalla vita politica attiva e morì nel 1942.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 72192140 LCCN: n79083575