Jakob Emanuel Handmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto (1781)

Jakob Emanuel Handmann (Basilea, 16 agosto 1718Berna, 3 novembre 1781) è stato un pittore svizzero, esponente del rococò[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Eulero (1753)

Acquisiti i rudimenti dell'arte in patria, presso Johann Ulrich Schnetzler[2] a Sciaffusa[3], si trasferì in Francia[4], dove divenne apprendista di Jean Restout II[2][3][4]. Approfondì i suoi studi pittorici a Roma[3][4], dove rimase quattro anni[3][4], con Marco Benefial e Pierre Subleyras[5]. Viaggiò anche in Svizzera coll'amico pittore Christian Georg Schütz[6]. Si recò, inoltre, nel 1753 a Berlino, dove eseguì un primo ritratto a pastello di Eulero, seguito nel 1756 da altri due ritratti del medesimo personaggio[1].

Ritratto di Augusta Katharina Lerber Stürler (1769)

Eseguì principalmente rappresentazioni di soggetti storici e ritratti[7], ma dipinse anche soggetti religiosi, mitologici, allegorici[5] e paesaggi[1]. Fu un ritrattista particolarmente prolifico, realizzando oltre 500 dipinti in 36 anni[1]. I suoi ritratti di personaggi illustri, così realistici e precisi, furono utilizzati per verificare quali fossero le malattie più comuni in Svizzera nel XVIII secolo[1]. Molti suoi dipinti furono riprodotti per incisione, come i ritratti di Eulero e di Albert Haller[3][4]. Si trovano sue opere nei musei di Basilea, Berna, Kassel[5].

Fu suo allievo Sigmund Freudenberger[7].

Alcune opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 281281 LCCN: nr/2002/041673