Jake Bugg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jake Bugg
Fotografia di Jake Bugg
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Indie folk
Periodo di attività 2011 – in attività
Studio 2
Sito web

Jake Edwin Kennedy, noto come Jake Bugg (Nottingham, 28 febbraio 1994), è un cantante e chitarrista inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato e cresciuto a Clifton, distretto di Nottingham, ha iniziato a suonare la chitarra a 12 anni. Nel 2011 è stato scelto dalla BBC tra gli artisti emergenti da far salire sul palco "Introducing" del Festival di Glastonbury. Da quel momento alcune sue canzoni hanno avuto airplay radiofonico e Country Song è stata scelta per uno spot televisivo della birra Greene King IPA.

Il 22 maggio 2012 ha partecipato al celebre programma televisivo Later... with Jools Holland. Il 1º ottobre 2012 si è esibito dal vivo per il programma Live at Maida Vale su BBC Radio 6. Il 15 ottobre è uscito l'album d'esordio, Jake Bugg, che ha debuttato al primo posto della classifica del Regno Unito,[1] ottenendo in seguito il disco di platino per le oltre 300.000 copie distribuite nel paese.[2]

Nell'ottobre 2012 con la sua band ha fatto da gruppo spalla in alcune date del tour europeo di Noel Gallagher's High Flying Birds. Dal 23 ottobre è stato special guest dei concerti tenuti in Nordamerica dalla band dell'ex Oasis e dagli Snow Patrol.

Nel gennaio 2013, Bugg ha ricevuto una nomination come artista rivelazione dell'anno ai Brit Awards, che si sono tenuti a Londra il 20 febbraio 2013.[3][4]

Il suo stile viene definito come una miscela degli La's più melodici, la semplicità blues dei White Stripes ed il romanticismo di Jens Lekman.[5]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • Trouble Town
  • Country Song
  • Lightning Bolt
  • Taste It
  • Two Fingers
  • Seen It All
  • Broken
  • What Doesn't Kill You
  • Slumville Sunrise
  • A Song About Love

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Brand Barstein, Jake Bugg shoots straight to the top with debut album, Official Charts Company, 21 ottobre 2012. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  2. ^ (EN) Certified Awards - Search, British Phonographic Industry. URL consultato il 22 febbraio 2013. Inserire Jake Bugg nel campo Keywords, quindi premere Search.
  3. ^ vincitori
  4. ^ Brit Awards, le nomination. C'è anche Amy Winehouse, Rockol.it, 11 gennaio 2013. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  5. ^ Jake Bugg | Music Biography, Credits and Discography | AllMusic

Controllo di autorità VIAF: 286475546 LCCN: no2013029072

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica