Jaguar XJ (X350)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaguar XJ (X350)
Jaguar XJ8 Vanden Plas.jpg
Una Jaguar XJ (X350) versione XJ8 Vanden Plas
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Jaguar
Tipo principale Berlina
Produzione dal 2003 al 2007
Sostituisce la Jaguar XJ (X308)
Sostituita da Jaguar XJ (X358)
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 5.090-5.215 mm
Larghezza 1.859-2.108 mm
Altezza 1.448-1.455 mm
Passo 3.033-3.160 mm
Massa 1.790 kg
Altro
Assemblaggio Birmingham, Inghilterra

La XJ (X350) è stata un’autovettura di lusso prodotta dalla Jaguar dal 2003 al 2007. Il modello subì un restylig nel 2007, e questa nuova vettura è conosciuta come XJ (X358). Faceva parte della serie XJ.

Nei primi mesi del 2003, la nuova generazione della XJ, il cui codice di progetto era X350, fu presentata negli show room. Il modello era totalmente rinnovato, e succedette alla XJ (X308). Mentre la linea esteriore e gli interni erano apparentemente tradizionali e richiamavano modelli precedenti, l’auto venne completamente riprogettata. Il modello vide il ritorno della classica denominazione XJ6, che richiamava il motore a sei cilindri, sebbene in configurazione a V. Era equipaggiata solamente con il cambio automatico, che condivideva con molte altre Jaguar.

La X350[modifica | modifica wikitesto]

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Il design, l’ingegneria e l'equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

Come per la Audi A8, il telaio e la carrozzeria della X350 erano costruiti in alluminio. Mentre alcuni pezzi quest’ultimo erano in acciaio, la scocca era in lega d’alluminio. Il telaio e la scocca possedevano una struttura generale che ricordava quella dei telai e delle scocche dei più convenzionali in acciaio, ma con due differenze; i suoi componenti sottoscocca erano incollati assieme mediante un adesivo epossidico utilizzato in campo aerospaziale, mentre circa 3200 rivetti erano impiegati per creare la scocca portante. Questo differiva dalla costruzione della A8, la cui struttura era ottenuta invece da una intelaiatura a traliccio in alluminio dove erano applicati dei pannelli. Comunque, la massa della struttura portante della A8 era più alta rispetto a quello della XJ; infatti il peso del telaio e della scocca della prima era 1830 kg (la 3.0 V6 TDi), mentre il peso dell’omologa struttura della seconda era di 1539 kg (la 3.0 V6). Il corpo vettura della X350 aveva una massa comparabile a quella della BMW Mini. Se la struttura portante della X350 fosse stata fabbricata in acciaio, sarebbe pesata circa il 40% in più. Ciò portava di conseguenza, migliori prestazioni, una superiore agilità ed un’ottima economizzazione dei consumi.

Gli interni di una Jaguar X350

La nuova struttura ed il bisogno di incrementare continuamente la guida e la maneggevolezza dell'auto imposero alcuni cambiamenti meccanici. La terza generazione delle sospensioni posteriori Jaguar, che erano a doppi bracci oscillanti, fu sostituita infatti dalle più sofisticate sospensioni multi-link. Sia quelle anteriori che quelle posteriori erano a smorzamento autoadattativo oltre che autolivellante sul retrotreno. A differenza degli altri costruttori omologhi, la Jaguar non offriva il controllo dell’altezza della vettura da parte del guidatore operata grazie all’innalzamento o l’abbassamento delle sospensioni, ma era disponibile un sistema completamente controllato dal computer. Il controllo dinamico di stabilità ed il controllo di trazione erano offerti di serie.

Le altre peculiarità che differenziavano la X350 dalle serie precedenti della XJ includevano dei fanali esterni che erano più larghi di quelli interni, e delle ruote che erano localizzate più vicine agli angoli della vettura, con conseguente aumento del passo, che era paragonabile a quello della prima serie della XJ. Sulla X350 la Jaguar rinunciò al sesto finestrino laterale separato, per tornare alla fiancata a due finestrini, con il ruolo di "sesta luce" affidato ad una sezione del finestrino posteriore, sempre montato sulle portiere come sulla prima serie della XJ. Inoltre, all’inizio del 2004 non furono più cromati i montanti dei finestrini delle portiere, nascondendo, di fatto, il montante centrale. Il disegno della portiera posteriore e del lunotto ricordavano le berline Jaguar degli anni cinquanta e anni sessanta.

La X350 fu la prima Jaguar ad essere costruita utilizzata usando i rivetti[1].

Era disponibile di serie anche il climatizzatore bizona, con il condizionatore quadrizona offerto sui modelli a passo lungo. Erano disponibili come optional un’interfaccia touchscreen per il controllo dei parametri della vettura, il navigatore satellitare, un'autoradio della Alpine ed un telefono Bluetooth. Era anche offerto il sistema "Jaguar Voice" per la segnalazione di vari messaggi tramite una voce sintetizzata da un computer.

Motori e trazione[modifica | modifica wikitesto]

Modello Tipo Potenza, coppia @ giri al minuto
2.7 Litre V6 2,7 L di cilindrata, V6, Diesel, biturbo 204 CV, 435 N•m
3.0 Litre V6 Petrol 3,0 L, V6, benzina, sigla identificativa 238 CV
3.5 Litre V8 Petrol 3,5 L, V8, benzina, AJ-V8 258 CV
4.2 Litre V8 Petrol 4,2 L, V8, benzina, AJ-V8 299 CV
4.2 Litre V8 Petrol Supercharged 4,2L, V8, turbo, benzina, AJ-V8 395 CV

Il motore V8, già montato sulla S-Type, fu confermato anche per la X350, ma prima di essere installato sul nuovo modello fu rivisto e reso più potente. I due propulsori da 4,2 L di cilindrata della X308, uno aspirato ed uno sovralimentato, che avevano una potenza, rispettivamente, di 290 CV e 370 CV, vennero sostituiti dai due propulsori già montati sulla S-Type, che erano sempre di 4,2 L, ma che erogavano, rispettivamente, 294 CV e 400 CV. Un nuovo motore V8 da 3,5 L fu introdotto per il mercato europeo; derivato da un precedente motore Jaguar da 3,2 L, erogava 265 CV.

Il motore di una Jaguar X350. Si tratta del propulsore Diesel da 2,7 L

Il motore V8 da 3,2 L e 240 CV del precedente modello fu rimpiazzato da un V6 da 3 L che era già installato sulla X-Type e sulla S-Type, che fu tolto dal mercato quando venne offerto il motore V6 Diesel da 2,7 L. I modelli equipaggiati dal V6 erano conosciuti come XJ6, mentre quelli che avevano installato il V8 erano denominati XJ8. Invece, la versione equipaggiata dal motore sovralimentato era conosciuta come XJ8. La XJ6 e la XJ TDVi erano le uniche due versioni della X350 a non essere vendute negli Stati Uniti.

Tutte le versioni avevano il motore montato anteriormente e la trazione posteriore.

La versione TDVi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 la Jaguar introdusse la versione 'XJ TDVi, che era mossa da un motore Diesel. Il propulsore era un V6 sovralimentato da 2,7 L di cilindrata che fu sviluppato dalla Ford e dalla Peugeot. Era già stato utilizzato sulla S-Type ed erogava 204 CV di potenza e 435 N•m di coppia. Possedeva inoltre dei supporti del motore attivi, cioè a controllo elettronico dello smorzamento, in maniera tale da attutire le vibrazioni.

La versione Daimler Super Eight/Super V8[modifica | modifica wikitesto]

La Super V8, a cui succedette la Daimler Super Eight, era la versione più costosa, seconda solo alla XJ-R. La Super V8, che debuttò nel 2002, era essenzialmente una versione a passo lungo e sovralimentata della XJ8 con degli interni più lussuosi che erano opera di Vanden Plas o Daimler. Il modello concorrente fu la Mercedes-Benz S55 AMG. Una specifica calandra e degli specchietti esterni con finiture cromate distinguevano nettamente la Super V8 e la XJR dalle XJ meno costose. Nel 2005, la Super V8 fu sostituita dalla Daimler Super Eight in tutti i mercati. La Daimler Super Eight era essenzialmente la stessa vettura, anche se possedeva una calandra differente, inserti in radica di legno di bosso ed altre particolarità lussuose. L’allestimento Daimler Super Eight fu sostituito dalla Jaguar Sovereign nel 2007.

I modelli per il Nordamerica[modifica | modifica wikitesto]

Il retro di una Jaguar X350

Le X350 per il mercato Nordamericano aveva installato un motore aspirato da 300 CV. Era disponibile come optional un propulsore V8 sovralimentato da 4,2 L e 400 CV. Entrambi possedevano un doppio albero a camme in testa con quattro valvole per cilindro. La velocità massima era limitata a 249 km/h.

La versione Super V8 Portfolio[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 2005, la Jaguar annunciò la fine della produzione dell’allestimento più lussuoso della XJ. Fu quindi presentata al salone dell'automobile di New York del marzo del 2005 la Super V8 Portfolio, cioè un’edizione limitata della Super V8 berlina, che succedette all’allestimento citato. La Super V8 Portfolio possedeva un motore più potente e dei miglioramenti interni ed esteriori, incluso un lettore DVD ed uno schermo da 7 pollici installato sui poggiatesta posteriori. La Super V8 Portfolio fu disponibile dall’agosto 2005 in soli due colori, nero ed oro.

La Super V8 Portfolio aveva installato un motore V8 Jaguar sovralimentato da 4,2 L e 32 valvole che erogava 400 CV. Il veicolo raggiungeva la velocità massima di 249 km/h ed accelerava da 0 a 97 km/h in 5 secondi.

Trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le versioni montavano un cambio automatico a sei velocità. Era più leggero dei predecessori ed offriva una migliore economia con blocco del convertitore in tutti i rapporti ed una gamma più vasta di rapporti.

Le dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

La X350 era disponibile con due telai a passi differenti. Quello corto aveva un passo di 3.033 mm, una lunghezza 5.090 mm ed un’altezza di 1.448 mm, mentre quello lungo possedeva un passo di 3.160 mm, una lunghezza 5.215 mm ed un’altezza di 1.455 mm. La larghezza invece variava in base agli anni di produzione; dal 2004 al 2005 fu di 1.859, mentre dal 2006 al 2007 di 2.108 mm. Rispetto alla generazione precedente di XJ il modello fu ingrandito rispetto a tutte e tre le dimensioni, e questo portava ad avere un maggiore spazio interno ed un bagagliaio più spazioso.

La X358[modifica | modifica wikitesto]

Jaguar XJ (X358)
'08 Jaguar XJ (Montreal).jpg
Una Jaguar XJ (X358) del 2007
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Jaguar
Tipo principale Berlina
Produzione dal 2007 al 2009
Sostituisce la Jaguar XJ (X350)
Sostituita da Jaguar XJ (X351)
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 5.090-5.215 mm
Larghezza 1.943 mm
Altezza 1.448-1.455 mm
Passo 3.033-3.160 mm
Massa 1.790 kg
Altro
Assemblaggio Birmingham, Inghilterra

La Jaguar XJ (X358) è stata la versione rivista della X350. Fu mostrata al pubblico la prima volta nel febbraio del 2006 ed entrò in produzione nell’anno successivo. Fu prodotta solamente in una versione, berlina quattro porte.

Sin dal suo lancio nel 2003, la XJ (X350) raccolse parecchie critiche dai giornalisti specializzati. Essi asserivano che la vettura aveva una linea “vecchia” e molto poco moderna rispetto a quella della vettura antenata. Molti giornalisti citavano anche il fatto che molto dell'antica gamma voluta da William Lyons era stato perso nel passaggio dalla Serie 1 alla Serie 2, sebbene sottopelle si nascondeva una meccanica molto avanzata che la poneva vicina al top nella sua categoria.

A seguito di queste critiche e con l’intento di incrementare le vendite, la Jaguar lanciò la nuova serie della XJ. Per la nuova vettura fu rivista la calandra, anche se vennero conservate alcune caratteristiche della serie precedente, e non fu quindi seguito il contemporaneo linguaggio stilistico della XF. La calandra ora era più sporgente nei confronti dei paraurti e ciò portò ad un frontale più aggressivo.. Il logo della Jaguar sulla vettura fu cambiato; dall’ornamento in tre dimensioni posizionato sul cofano si passò al volto del giaguaro, simbolo della Casa automobilistica, all'interno della calandra come sulla XK e sulla XF. I fanali anteriori subirono dei leggeri cambiamenti, mentre gli specchietti retrovisori incorporavano ora gli indicatori di direzione laterali. I parafanghi anteriori furono ridisegnati per ospitare delle prese d'aria laterali, che una volta erano prerogativa solo della Super V8 Portfolio e della XJR commercializzata sul mercato britannico. Esse ricordavano quelle previste da Ian Callum per la seconda serie della XK. Inoltre furono oggetto di un restyling le bandelle sottoporta, i paraurti posteriori e le luci della coda. Gli interni furono leggermente rivisti; vennero rimodellati i sedili anteriori per consentire un contenimento più marcato agli occupanti e fu aumentato lo spazio per le gambe dei passeggeri posteriori.

Questi cambiamenti non vennero apportati unicamente allo scopo di contrastare i bassi livelli di vendita, ma anche per mantenere attuale il modello corrente fino all'arrivo della nuova XJ, ossia la X351.

La X358 partecipò alla trasmissione televisiva di BBC TwoTop Gear, dove fu guidata da Basilea alla Blackpool Tower, dell’omonima cittadina, con un solo pieno di carburante. Dopo aver guidato per circa 800 miglia, il pilota constatò che era presente sufficiente carburante per guidare ancora 120 miglia.

Una Jaguar X358

La X350 era disponibile con due telai a passi differenti. Quello corto aveva un passo di 3.033 mm, una lunghezza 5.090 mm ed un’altezza di 1.448 mm, mentre quello lungo possedeva un passo di 3.160 mm, una lunghezza 5.215 mm ed un’altezza di 1.455 mm. La larghezza rimaneva immutata per entrambe le versioni (1.943 mm).

Tutte le versioni avevano il motore montato anteriormente e la trazione posteriore.

I propulsori offerti erano i medesimi della X350, vale a dire il V6 da 3 L di cilindrata, ed i V8 AJ-V8 da 3,5 L e 4,2 L (disponibile in versione aspirata o sovralimentata), oltre al V6 Diesel 2,7 L.

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Modelli Executive Sovereign XJR Super V8
Motori 2,7 L Diesel, 3,0 L , 4,2 L 2,7 L Diesel, 3,0 L , 4,2 L 4,2 L sovralimentato 4,2 L sovralimentato
Passo corto, lungo (optional) corto, lungo (optional) corto corto, lungo (optional)
Ruote (di serie) In lega Carelia 8.5Jx19 In lega Polaris 8.5Jx19 In lega Carelia 8.5Jx20 In lega Carelia 9Jx20

La commercializzazione nel Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre del 2007 i modelli della XJ disponibili nel Regno Unito furono:

  • XJ 2,7 L Diesel Executive
  • XJ 2,7 L Diesel Sport Premium
  • 3,0 L Executive
  • 2,7 L, 3.0 L, e 4,2 L Sovereign
  • 4,2 L XJR sovralimentata
  • Daimler Super Eight

Le versioni da 2,7 L Diesel e 3 L benzina erano conosciuti come XJ6, dato che i loro propulsori erano a sei cilindri, mentre le versioni da 4,2 L erano note analogamente come XJ8. Le vetture con il motore V8 da 3,5 L non erano commercializzate nel Regno Unito.

La commercializzazione in Germania[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2007 erano disponibili in Germania queste versioni:

  • XJ6 2,7 L Diesel Classic
  • XJ6 2,7 L Diesel Executive
  • XJ6 3 L Executive
  • XJ8 3,5 L Executive
  • XJ8 4,2 L Executive
  • XJ6 2,7 L Diesel Sovereign
  • XJ8 3,5 L Sovereign
  • XJ8 4,2 L Sovereign
  • XJR 4,2 L V8 Kompressor (cioè la variante sovralimentata)
  • Daimler Super Eight

La commercializzazione negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Al maggio 2007 erano disponibili negli Stati Uniti le seguenti versioni:

  • XJ8
  • XJ8L
  • XJ Vanden Plas (questo modello era l’equivalente delle versioni Sovereign in Europa)
  • XJR
  • XJ Super V8

La XJ6 e la XJ 2,7 Diesel non erano disponibili negli Stati Uniti. La lettera “L” nella sigla XJ8L indicava il passo lungo.

Motori[modifica | modifica wikitesto]

Modello Tipo (cilindrata, alesaggio x corsa) potenza, coppia@giri al minuto accelerazione (0–100 km/h) velocità massima
2,7 L V6 Diesel 2.720 cm³ biturbo V6, 81 mm x 88 mm 207 CV @ 4000, 435 N•m @ 1900 8,2 225 km/h
3 L V6 benzina 2.967 cm³V6, 89 mm x 79,5 mm 235 CV @ 6800, 293 N•m @ 4100 8,1 233 km/h
4,2 L V8 benzina 4.196 cm³ V8, 86 mm x 90,3 mm 298 CV @ 6000, 303 N•m @ 4100 6,6 250 km/h
4,2 L V8 benzina sovralimentato 4196 cm³V8 sovralimentato, 86 mm x 90,3 mm 395 CV @ 6100, 541 N•m @ 3500 5,3 250 km/h

Trasmissioni[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le versioni montavano un cambio automatico a sei velocità.

La XJ nei media[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito televisivo la XJ compare in Top Gear (in versione X358).[2]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jaguar uses X350 car to pioneer use of self-piercing rivets. URL consultato il 12-11-2011.
  2. ^ 2007 Jaguar XJ Sport Premium 2.7 TDVi [X358]. URL consultato il 17 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Torley Nigel, Jaguar, all the cars, Haynes Publishing, 2003, ISBN 1-84425-001-6.
  • (DE) Heiner Stertkamp, Jaguar - Die komplette Chronik von 1922 bis heute, Heel-Verlag, 2006, ISBN 3-89880-337-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili