Jacques Spitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacques Spitz (Ghazaouet, 1896Parigi, 1963) è stato un autore di fantascienza francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ingegnere, nacque nel 1896 a Nemours in Algeria (oggi Ghazaouet) e morì nel 1963 a Parigi, in Francia dove visse a lungo da solo.

Cinico e pessimista, è stato influenzato dal surrealismo, anche se i suoi maestri sono stati Kant e Valéry.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La croisière indécise, 1926
  • La mise en plis, Éditions du Logis, 1928
  • Le vent du monde, Gallimard, 1928
  • Le voyage muet, Gallimard, 1930
  • Les dames de Velours, Gallimard, 1933
  • L'agonie du globe, Gallimard, 1935
  • Les évadés de l'an 4000, Gallimard, 1936
  • L'uomo elastico (L'homme élastique, Gallimard Nrf, 1938), traduzione di Giuseppe Lippi, in Incubi perfetti, Urania 1510, Arnoldo Mondadori Editore, 2006
  • Le mosche (La guerre des mouches, Gallimard, 1938), traduzione di Giuseppe Lippi, in Incubi perfetti, Urania 1510, Arnoldo Mondadori Editore, 2006
  • L'expérience du dr. Mops, Gallimard, 1939
  • La parcelle "Z", Éditions Jean Vigneau, 1942
  • Segnali dal sole (Les signaux du soleil, Éditions Jean Vigneau, 1943), traduzione di Laura Serra, Urania Collezione 073, Arnoldo Mondadori Editore, 2009
  • L'occhio del purgatorio (L'Œil du Purgatoire, 1945), traduzione di Bianca Russo, Urania 622, Arnoldo Mondadori Editore, 1973
  • La forêt des Sept-Pies, Éditions Maréchal, 1946
  • Albine au Poitrail, Éditions Debresse, 1956

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 41846819