Jacques Riparelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacques Riparelli
Jacques-Riparelli.jpg
Jacques Riparelli al meeting città di Pergine 2008.
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 75 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
60 m indoor 6"66 (2009)
100 m 10"21 (2012)
200 m 20"95 (2010)
400 m 48"54 (2008)
Società Aeronautica Militare
Carriera
Nazionale
2007- Italia Italia 9
Palmarès
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 novembre 2014

Jacques Riparelli (Yaoundé, 27 marzo 1983) è un atleta italiano, di origine camerunese, specializzato nella velocità.

È allenato da Adriano Benedetti e appartiene al gruppo sportivo dell'Aeronautica Militare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre italiano e madre camerunese, abita in Italia dall'età di 4 anni, sebbene abbia frequentato parte delle scuole elementari in Mali prima di tornare definitivamente in Italia, a Vigonovo (Venezia).[1]

Dopo aver praticato da adolescente il calcio, decide di dedicarsi completamente all'atletica leggera. Cresce agonisticamente nel Cus Padova[2] e qualche anno più tardi entra a far parte del gruppo sportivo dell'Aeronautica Militare.

Con 10"25 (nel 2007),[3] ottiene il 16º miglior tempo europeo della stagione (a Ginevra, 9 giugno), anche 10º miglior tempo italiano di sempre.

Nel corso dello stesso anno, anche se il suo tempo lo permetterebbe, non viene selezionato, perché reduce da un infortunio, per la prova individuale sui 100 metri piani ai Mondiali di Osaka, prendendo comunque parte alla spedizione azzurra con la staffetta 4×100 metri.

Nel 2008, al Meeting Internazionale Città di Pergine, migliora ulteriormente il proprio personale sui 100 m, portando il proprio record a 10"23.[4] Ad agosto, sempre con la staffetta 4×100 metri italiana partecipa ai Giochi olimpici di Pechino; la staffetta azzurra (Simone Collio, Fabio Cerutti, Emanuele Di Gregorio, Riparelli) viene però squalificata in semifinale per cambio irregolare.

Il 10 settembre vince il meeting di Rovereto in 10"24, battendo i più quotati Harry Aikines-Aryeetey e Mike Rodgers. Il 14 luglio 2011 al meeting di Delogu stabilisce con 10"24 (vento nella norma), il primato stagionale che gli vale anche il minimo B per i mondiali di Daegu.[5]

Nel 2012 partecipa ai Campionati europei di Helsinki, correndo in semifinale con il tempo di 10"33 (precedendo tra l'altro il britannico Mark Lewis-Francis), non riuscendo tuttavia a qualificarsi per la finale.

Il 10 luglio dello stesso anno, ottiene al meeting di Nembro il suo nuovo record personale sui 100 m, portandolo a 10"21 (vento +1,7) e mancando di soli 3 centesimi il tempo minimo di partecipazione ai Giochi olimpici di Londra.

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

100 metri piani[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2014 10"31 Italia Rovereto 27-6-2014
2013 10"26 Italia Gavardo 19-5-2013 148º
2012 10"21 Italia Nembro 10-7-2012 112º
2011 10"24 Italia Rovereto 13-9-2011 124º
Italia Dorgali 13-7-2011
2010 10"32 Italia Pordenone 16-7-2010 171º
2009 10"24 Italia Pergine 25-7-2009 115º
2008 10"23 Italia Pergine 12-7-2008 107º
2007 10"25 Svizzera Ginevra 9-6-2007 102º
2006 10"52 Italia Rieti 20-5-2006 556º
2005 10"72 Italia Padova 1-5-2005
2004 10"36 Italia Pergine 27-6-2004 231º

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2007 Mondiali Giappone Osaka 4×100 m Batteria 38"81
2008 Giochi olimpici Cina Pechino 4×100 m Batteria sq
2012 Europei Finlandia Helsinki 100 m piani Semifinale 10"33
4×100 m Batteria nf
Giochi olimpici Regno Unito Londra 4×100 m Batteria 38"58 Record personale stagionale
2013 Giochi del
Mediterraneo
Turchia Mersin 100 m piani 10"29
4×100 m Oro Oro 39"06

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2010
  • Oro Oro ai Campionati italiani assoluti indoor (Ancona), 60 m piani - 6"73

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques Riparelli alle prese con l'ingegneria biomedica in espresso.repubblica.it, l'Espresso. URL consultato il 15 luglio 2011.
  2. ^ Societari, prima giornata: Balliengo-Fortuna è disco d'oro, Riparelli in scioltezza in fidalveneto.it, FIDAL Veneto, 17 maggio 2008. URL consultato il 15 luglio 2011.
  3. ^ Velocità italiana in fermento? in atleticanet.it, Atleticanet. URL consultato il 15 luglio 2011.
  4. ^ Riparelli fulmine tra i lampi di Pergine: 10"23! in fidaltrentinomagazine.blogspot.com, FIDAL Trentino, 13 luglio 2008. URL consultato il 15 luglio 2011.
  5. ^ Memorial Delogu: Milani e Riparelli veloci in fidal.it, FIDAL, 13 luglio 2011. URL consultato il 15 luglio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Valeri, Black Italians: Atleti neri in maglia azzurra, Roma, Palombi Editori, 2006, ISBN 88-6060-039-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]