Jacques Rigaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jacques Rigaut (Parigi, 30 dicembre 1898Châtenay-Malabry, 6 novembre 1929) è stato uno scrittore francese, esponente del movimento dadaista.

Le sue opere affrontano spesso il tema del suicidio, gesto che lo stesso Rigaut portò a compimento nel 1929: all'età di trent'anni, come aveva annunciato, si sparò, prendendo addirittura in precedenza le misure con un righello per essere sicuro che la pallottola gli trapassasse il cuore[1].

È sepolto nel cimitero di Montmartre.

Tra le opere di Rigaut si ricordano:

  • Agenzia generale del suicidio
  • Et puis merde!
  • Papiers Posthumes
  • Lord Patchogue
  • Tre suicidi dada?

Il suo suicidio ha ispirato il romanzo Fuoco fatuo di Pierre Drieu La Rochelle, da cui è stato poi tratto nel 1963 il film omonimo diretto da Louis Malle.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Steve Watson, '4 Dada Suicides, vedi bibliografia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 Dada Suicides: Selected Texts of Arthur Cravan, Jacques Rigaut, Julien Torma & Jacques Vache (Anti-Classics of Dada) di Jacques Rigaut, Julien Torma, Jacques Vache e Arthur Cravan. Roger Conover (Editor), Terry J. Hale (Editor), Paul Lenti (Editor), Iain White (Editor). (1995) Atlas Press ISBN 0-947757-74-0
  • Jacques Rigaut, portrait tiré Laurent Cirelli (1998) Dilettante editori ISBN 2-84263-016-5
  • Agenzia generale del suicidio (2005) Le nubi edizioni
  • Tre suicidi dada? Cravan, Rigaut, Vaché (2005) Le nubi edizioni


Controllo di autorità VIAF: 79110356 LCCN: n83214081