Jacque Fresco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacque Fresco

Jacque Fresco (New York, 13 marzo 1916) è un ingegnere sociale, designer industriale e futurologo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel quartiere di Bensonhurst durante la grande depressione, lasciò la scuola a quattordici anni, formandosi come autodidatta.

Frequentò la Young Communist League USA e, durante una riunione, venne cacciato in quanto disse ad alta voce che "Karl Marx aveva sbagliato"; successivamente, volse l'attenzione alla tecnocrazia. Nella metà degli anni trenta si trasferì a Los Angeles dove cominciò a lavorare come designer strutturale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera professionale come consulente progettista per la compagnia Rotor Craft Helicopter, lavorò nell’unità di progettazione e sviluppo della marina statunitense, nella base aerea Wright-Patterson di Dayton, in Ohio, e lavorò come ingegnere d’investigazione per la corporazione Raymond De – Icer, con base a Los Angeles. Inoltre lavorò per molte compagnie in vari campi come consulente di disegno e consigliere tecnico per la Motion Picture Industry e come istruttore di disegno industriale presso l’Art Center School di Hollywood, California. A Los Angeles fu collega e impiegato associato dello psicologo Donald Powell Wilson. Nel 1942 fondò la Revell Plastic Company (ora Revell-Monogram) con Lou Glaser, anche se in seguito lasciò per intraprendere le sue altre idee, lavorando nella ricerca e sviluppo aerospaziale, in architettura, nella progettazione di automobili efficienti, nei metodi di proiezione cinematica 3d ad occhio nudo, nella progettazione di apparecchiature biomediche, sviluppando tra l'altro un’unità per raggi-X tridimensionali. Attualmente Jacque Fresco vive in Florida in una proprietà di 5 ettari popolato da varie costruzioni a cupola da lui progettate Qui scrive libri e produce film divulgativi.

Pensiero e Attività[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Venus Project.
Fresco con Roxanne Meadows

L'assunto fondamentale del suo pensiero è che la povertà sia causata dall'effetto soffocante del progresso tecnologico, a sua volta trainato dal sistema economico capitalistico mondiale. Il progresso tecnologico, se venisse portato avanti indipendentemente dalla sua redditività, teorizza Fresco, produrrebbe molte più risorse, così da servire un maggior numero di persone. Questa nuova disponibilità di risorse libererebbe l'uomo dalla tendenza verso l'egocentrismo la corruzione e l'avidità, e quindi renderebbe gli uomini più propensi ad aiutarsi tra di loro. Fondamentale è quindi l'eliminazione dell'attuale sistema economico "basato sulla moneta" e la sua sostituzione con quella che Fresco chiama economia basata sulle risorse Eliminata la moneta, fulcro attorno a cui ruota il capitalismo, diventerebbero inutili banche, governi, istituzioni religiose, eserciti. Si tratta quindi di una forma di tecnocrazia.

Per favorire l'applicazione pratica di queste idee ha fondato Venus Project, una società a fini di lucro registrata presso il Dipartimento di Stato della Florida dal 1995[1]. Dal 2003 esiste pero' anche una sezione non-profit chiamata "Future by Design" [Futuro dal Progetto].[2] In un'intervista rilasciata nel 2008, Fresco ha dichiarato che la sua mancanza di credenziali scolastiche ha reso difficile la raccolta di consensi all'interno dei circoli accademici. Venus Project è venuto alla ribalta grazie al successo del film-documentario del 2008 Zeitgeist: Addendum, premiato alla 5ª edizione de "Artivist Film Festival" di Los Angeles. Esso viene presentato come una possibile soluzione ai problemi globali di cui si parla nel film.

Il film ha successivamente dato origine a un movimento d'opinione noto come Movimento Zeitgeist. Nell'aprile 2011 alcune affermazioni di Fresco hanno portato ad una scissione tra il Venus Project e il Movimento Zeitgeist, che ora continuano a perseguire la transizione verso un'economia basata sulle risorse tramite metodologie diverse.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Looking Forward (1969) (coautore con Kenneth Keyes)
  • Introduction to Sociocyberneering (1977)
  • Sociocyberneering Presents Cities in Transition (1978)
  • Sociocyberneering Presents the Determinants of Behavior (1978)
  • Structural Systems and Systems of Structure (1979)
  • The Venus Project: The Redesign of a Culture (1995) (World Future Society best seller)
  • And The World Will Be One (1997)
  • The Best That Money Can’t Buy: Beyond Politics, Poverty & War (2002). ISBN 978-0-9648806-7-2.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Venus Project: The Redesign of a Culture (1994)
  • Welcome To The Future (2001)
  • Cities In The Sea (2002)
  • Self-erecting Structures (2002)
  • Future By Design (2006)
  • Zeitgeist: Addendum (2008)
  • Zeitgeist: Moving forward (2011)
  • The Choice Is Ours (2013)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Florida Department Of State - Division of Corporations
  2. ^ (EN) Future by Design Inc. Company Profile, Corporation Wiki
  3. ^ The Zeitgeist Movement, Recent Developments + Chapter Instructions: April 2011, 18 agosto 2011. URL consultato il 18 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 4187492 LCCN: n95115881