Jacopo Zabarella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Zabarella

Jacopo Zabarella, spesso indicato come Giacomo Zabarella (Padova, 5 settembre 1533Padova, 15 ottobre 1589), è stato un filosofo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primogenito di un’antica e nobile famiglia, ereditò dal padre Giulio il titolo di conte palatino.

Studiò all'Università di Padova, dove fu allievo di Francesco Robortello, Bernardino Tomitano e Marcantonio de’ Passeri (detto il Genua), laureandosi nel 1553.

Per l'anno accademico 1563-64 ottenne, succedendo al Tomitano, la prima cattedra di logica nello Studio padovano, che tenne fino all'anno accademico 1567-68 incluso. Per l'anno accademico 1568-69 ottenne la seconda cattedra (ma, propriamente, parificata in quell'anno e nei successivi otto con la prima cattedra) di filosofia naturale straordinaria e per l'anno accademico 1577-1578 ottenne la prima cattedra di filosofia naturale straordinaria, che tenne fino all'anno accademico 1584-85 incluso. Per l'anno accademico 1585-86 ottenne la seconda cattedra di filosofia naturale ordinaria, che tenne fino al 1589.

Declinò l'invito del re Stefano Báthory di insegnare in Polonia, ma gli dedicò il suo scritto più importante, l'Opera logica, stampata a Venezia nel 1578.

Nel 1580 furono pubblicate a Padova le sue Tabulae logicae, e nel 1582, a Venezia, il suo commento agli Analitici II di Aristotele.

In risposta alle critiche mosse alla sua Opera logica dai suoi colleghi d'università, Francesco Piccolomini e Bernardino Petrella, pubblicò a Padova, nel 1584, la De doctrinae ordine apologia.

Nel 1586 e nel 1590 apparvero rispettivamente le sue due ultime opere, la De naturalis scientiae constitutione e i De rebus naturalibus; postumi comparvero i suoi commenti incompiuti alla Fisica e al De anima di Aristotele.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Opera Logica, Venezia 1578 (PDF).
  • Opera Physica, Frankfurt 1602, ristampa anastatica a cura di Marco Sgarbi, Verona 2009.
  • Tabula logicae, Venezia 1580.
  • In duos Aristotelis libros Posteriores Analyticos commentarii, Venezia 1582.
  • De doctrinae ordine apologia, Venezia 1584.
  • De naturalis scientiae constitutione, Venezia 1586.
  • De rebus naturalibus libri XXX, Venezia 1590.
  • In libros Aristotelis Physicorum commentarii, Venezia 1601.
  • De generatione et corruptione et Meteorologica commentarii, Frankfurt 1602.
  • In tres libros Aristotelis De anima commentarii, Venezia 1605.
  • De methodis libri quatuor; Liber De regressu, ristampa anastatica dell'edizione Venezia, 1578, a cura di Cesare Vasoli, Bologna 1985.

Edizioni moderne e traduzioni[modifica | modifica sorgente]

  • Iacobus Zabarella, Tables de logique. Sur l'Introduction de Porphyre, les Catégories, le De l'interprétation et les Premiers Analytiques d'Aristote: Petite synopse introductive à la logique aristotélicienne. Paris: L'Harmattan, 2003, tradotto da Michel Bastit.
  • Giacomo Zabarella, De mente agenteDe rebus naturalibus liber XXIX. Edited by J. M. García Valverde, Fragmentos de Filosofía, 9 (2011).
  • Giacomo Zabarella, De sensu genteDe rebus naturalibus liber XXIV. Edizione a cura di J.M. García Valverde, Rivista di Storia della Filosofia, 2012.
  • Giacomo Zabarella, De inventione aeterni motorisDe rebus naturalibus liber IV. Edición de J.M. García Valverde, Bruniana & Campanelliana, 2012.
  • Jacques Zabarella, La nature de la logique, Paris: Vrin 2009, testo latino e traduzione francese a fronte di by Dominique Bouillon.
  • Jacopo Zabarella, On Methods and On Regressus, testo latino e traduzione inglese a fronte di John P. McCaskey (I Tatti Renaissance Library; Harvard University Press, 2013).
    • Volume 1, On Methods,Libri I–II.
    • Volume 2, On Methods, Libri III–IV e On Regressus.

Studi[modifica | modifica sorgente]

  • E. Berti, Metafisica e dialettica nel Commento di Giacomo Zabarella agli Analitici posteriori, in «Giornale di metafisica», 14, 1992
  • F. Bottin, La teoria del regressus in Giacomo Zabarella, in Saggi e ricerche, a cura di C. Giacon, Padova, 1972
  • F. Bottin, Nota sulla natura della logica in Giacomo Zabarella, in «Giornale Critico della filosofia Italiana», 54, 1973
  • M. Dal Pra, Un'oratio programmatica di G. Zabarella, in «Rivista critica di storia della filosofia», 21, 1966
  • G. Papuli, Dal Balduino allo Zabarella e al giovane Galilei: scienza e dimostrazioni, in «Bollettino di storia e filosofia», 10, 1992
  • A. Poppi, La dottrina della scienza in Giacomo Zabarella, Padova, 1972
  • A. Poppi, Introduzione all‘ Aristotelismo Padovano, Padova 1991
  • A. Poppi, Ricerche sulla teologia e la scienza nella Scuola padovana del Cinque e Seicento, Soveria Mannelli, 2001
  • P. Rossi, Aristotelici e moderni: le ipotesi e la natura, in Aristotelismo veneto e scienza moderna, Padova, 1983
  • G. Tonelli, Zabarella ispiratore di Baumgarten, o l'origine della connessione tra estetica e logica, in Da Leibniz a Kant, Napoli, 1987

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Delio Cantimori, «ZABARELLA, Giacomo», in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1937.
  • AA. VV., «ZABARELLA, Giacomo», in Dizionario di filosofia, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2009.
  • Giacomo Zabarella Stanford Encyclopedia of Philosophy

Controllo di autorità VIAF: 61622575 LCCN: n88038767