Jacopo Sadoleto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Sadoleto
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Sadoleto.jpg
Cardinalbishop.svg
Nato 12 luglio 1477, Modena
Creato cardinale 22 dicembre 1536 da papa Paolo III
Deceduto 18 ottobre 1547, Roma

Jacopo Sadoleto (Modena, 12 luglio 1477Roma, 18 ottobre 1547) è stato un cardinale, vescovo cattolico e umanista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Modena il 12 luglio 1477, figlio di un affermato giurista che avrebbe voluto iniziarlo alla stessa professione. Jacopo si diede invece agli studi umanistici, acquisendo fama come poeta neo-latino. La sua composizione più nota è il poemetto De Laocoontis statua, dedicato al rinvenimento sul Colle Oppio del gruppo scultoreo del Laocoonte agli inizi del 1506.

Ottenuto a Roma il patrocinio del cardinale Gian Pietro Carafa, futuro papa Paolo IV, intraprese la carriera ecclesiastica. Papa Leone X lo scelse come suo segretario insieme a Pietro Bembo, e nel 1517 lo fece vescovo di Carpentras, un comune francese vicino ad Avignone.

Durante la Riforma, pur rimanendo fedele al papato, assunse un atteggiamento conciliatorio, cercando di riconquistare i protestanti con la persuasione pacifica ma anche accogliendo alcune loro istanze. La sua opera principale, un commentario sulla Lettera ai Romani (1535), intesa come opera di mediazione, fu giudicata troppo conciliante con le nuove idee esegetiche della Riforma.

Papa Paolo III lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 22 dicembre 1536. Il Sadoleto non desistette dai suoi intenti di riconciliazione, invitando ripetutamente il papato alla moderazione e rifiutandosi sempre di sostenere politiche persecutorie nei confronti dei riformati.

Morì il 18 ottobre 1547 a Roma all'età di 70 anni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76326881