Jacopo Loschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Loschi, Madonna col Bambino e angeli e Eterno benedicente, Galleria nazionale di Parma.

Jacopo Loschi (Parma, 1425Carpi, 1504) è stato un pittore italiano.

La sua prima opera documentata è del 1457, quando dipinse assieme a suo genero Bartolino de’ Grossi (di cui sposò la figlia Lucrezia), gli affreschi non più esistenti nella chiesa di San Francesco del Prato a Parma. Da pagamenti ricevuti nel 1460 si ricava che dipinse per il Duomo di Parma due pale (per gli altari di San Bernardo e di Sant’Agata) e una pace con il Sepolcro di Cristo, andate perdute. Tra il 1487 e il 1488 lavorò per i frati del convento di San Giovanni Evangelista. Nel 1496 risulta stabilito a Carpi, dove rimase fino alla morte.

Diverse sue opere sono conservate nella Galleria nazionale di Parma:

  • Madonna col Bambino e angeli e Eterno benedicente, pala d'altare datata 1471, proveniente dalla chiesa di Sant'Agostino.
  • Il trittico con la Visitazione tra i santi Ilario e Girolamo.
  • Due affreschi (Madonna col Bambino e angeli fra i santi Sebastiano e Rocco, nella lunetta Cristo in pietà, e Madonna col Bambino fra i santi Girolamo e Giovanni Battista, nella lunetta l'Eterno), provenienti dall’oratorio di San Girolamo. Questi due affreschi, precedentemente di auotore incerto, gli sono stati attribuiti in seguito a studi condotti da A. Ghidiglia Quintavalle, e databili 1470.

Suo figlio Bernardino fu anch'egli un pittore, attivo a Parma e a Carpi. Gli è stata recentemente attribuita una Madonna con il Bambino nella Badia di Santa Maria della Neve a Torrechiara, precedentemente attribuita dal Pelicelli a Francesco Tacconi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • R. Lasagni, Dizionario biografico dei Parmigiani, ed. PPS, Parma 1999
  • Augusta Ghidiglia Quintavalle, Tesori nascosti della Galleria di Parma, Parma 1968