Jacopo Caetani degli Stefaneschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jacopo Caetani degli Stefaneschi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Polittico Stefaneschi, dettaglio.jpg
Il cardinale Stefaneschi, presentato da San Giorgio, offre il Trittico a Gesù, dettaglio del polittico Stefaneschi
Nato 1270 circa, Roma
Creato cardinale 17 dicembre 1295 da papa Bonifacio VIII
Deceduto 23 giugno 1343, Avignone

Jacopo Caetani degli Stefaneschi (Roma, 1270 circa – Avignone, 23 giugno 1343) è stato un cardinale e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Roma, era figlio del senatore Pietro Stefaneschi e di Perna Orsini. Venne istruito a Roma e poi all'Università di Parigi, dove si specializzò in filosofia e Sacre Scritture, prima di tornare in italia dove la famiglia lo indirizzò anche allo studio del diritto canonico e civile.

Entrato nella cerchia degli aiutanti di Celestino V venne nominato canonico di San Pietro, revisore della Sacra Rota. Dal successivo papa Bonifacio VIII venne creato cardinale diacono di San Giorgio in Velabro, il 17 dicembre 1295, e in seguito inviato, nel 1296, come legato a Cesena, Forlì, Faenza e Bologna, dove era incaricato di sedare alcuni tumulti popolari.

Verso il 1320 lo Stefaneschi era così importante da poter fare dono alla basilica di San Pietro, di cui era stato nominato canonico, di una nuova pala per l'altare principale, il cosiddetto Polittico Stefaneschi, dipinto da Giotto e bottega. A Giotto aveva commissionato anche il mosaico della navicella nell'atrio e alcuni affreschi perduti nella tribuna della basilica di San Pietro[1], oltre agli affreschi perduti per San Giorgio in Velabro.

Visse l'ultimo periodo della sua vita alla corte papale di Avignone. Qui commise al pittore italiano Simone Martini l'esecuzione degli affreschi del portico della cattedrale di Notre-Dame des Doms di Avignone.

Il 23 luglio 1334 papa Giovanni XXII nominò il cardinale protettore dei Minoriti. Non ricevette mai l'ordinazione sacerdotale.

Conclavi[modifica | modifica sorgente]

Durante il periodo del suo cardinalato Jacopo Caetani degli Stefaneschi partecipò ai conclavi:

Opere[modifica | modifica sorgente]

Il cardinale Stefaneschi è noto anche per l'Opus Metricum un poema in esametri dattilici sulla vita di Celestino V, che rappresenta la più antica testimonianza sulle vicende legate al papa-eremita. È composto di tre parti, ciascuna indipendente e redatta in periodi diversi, riunite nel 1319, quando vennero spedite ai monaci della Badia di Santo Spirito di Sulmona, la casa-madre dei Celestini. La prima parte, scritta prima che lo Stefaneschi divenisse cardinale, è composta di tre libri e descrive l'elezione, il regno e l'abdicazione di Celestino V. La seconda, scritta cinque anni dopo, è composta di due libri e narra l'elezione e la consacrazione di Bonifacio VIII. La terza, in tre libri, descrive la vita di Celestino dopo l'abdicazione, la canonizzazione e i suoi miracoli. Il poema è preceduto da un'introduzione in prosa, che contiene dati sull'autore e una sinopsi dell'opera.

Altre opere dello Stefaneschi furono il Liber de Centesimo sive Jubileo, un resoconto del primo Giubileo del 1300; il Liber ceremoniarum Curiæ Romanæ, sul cerimoniale osservato alla corte pontificia; la Vita Sancti Georgii Martyris, elegia di san Giorgio, patrono della chiesa di cui il cardinale aveva il titolo; la Historia de miraculo Mariæ facto Avinione, la storia di una salvataggio miracoloso di un giovane condannato a morte per opera della Vergine.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alessandro Tomei, Giotto: l'architettura, 1998, p. 11

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Cardinale diacono di San Giorgio in Velabro Successore Kardinalpallium.png
Pietro Peregrossi
1288 - 1289
1295 - 1341 vacante
fino al 1350

Controllo di autorità VIAF: 79205779