Jacob Leisler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua dedicata a Jacob Leisler nella città di New Rochelle (stato di New York).

Jacob Leisler (Francoforte sul Meno, 1640[1]New York, 16 maggio 1691[1][2]) è stato un mercante, rivoluzionario e politico tedesco.

Mercante di successo, emigrato nelle colonia olandese della Nuova Olanda nel 1660,[1] Leisler comandò nel 1689 una rivolta (che da lui prese il nome di ribellione di Leisler) contro la dominazione inglese (che avevano assunto il controllo della Nuova Olanda 25 anni prima).

Iniziate nella primavera, le lotte lo portarono all'elezione a luogotenente generale della colonia; il governo rivoluzionario da lui instaurato durò circa due anni, fino al 1691, durante i quali fra le altre cose convocò il primo congresso intercoloniale della storia delle terre che sarebbero poi diventate gli Stati Uniti d'America.[1]

Nel marzo del 1691[1][2] alcuni reparti inglesi, al comando del maggiore Richard Ingoldsby, iniziarono le lotte per reimpadronirsi della colonia, che risultarono in una loro rapida vittoria. Leisler, arresosi, fu processato per tradimento e giustiziato a New York il 16 maggio 1691.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) http://www.britannica.com/EBchecked/topic/335506/Jacob-Leisler
  2. ^ a b (EN) http://famousamericans.net/jacobleisler/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 8689146 LCCN: n80097871