Jackie Earle Haley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jackie Earle Haley al WonderCon 2010

Jackie Earle Haley (Northridge, 14 luglio 1961) è un attore statunitense, candidato all'Oscar nel 2006 per il film Little Children. Precedentemente era già noto per aver interpretato Kelly Leak, il giocatore di baseball motociclista e fumatore, in Che botte se incontri gli orsi e nei suoi sequel.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Haley è apparso in numerosi film, tra cui L'ultima odissea, Il giorno della locusta e Un week-end da leone - Una gita da sballo, così come in ruoli da ospite in Tv. Ha interpretato "Moocher" nell’acclamato film del 1979 All American Boys ed in seguito nella serie televisiva di breve durata con lo stesso nome. Nel corso degli anni settanta, ha spesso interpretato personaggi duri, arrabbiati, foruncolosi e dai capelli lunghi tagliati male. È inoltre apparso come ospite in alcuni show televisivi come Marcus Welby, Una famiglia americana, Love Boat, Renegade e Get a Life.

Mentre durante gli anni novanta e l'inizio dei 2000 la carriera d'attore di Haley si è fermata, nello stesso periodo ha iniziato a guidare limousine e a consegnare pizza per guadagnare uno stipendio prima di ritornare sulla scena.[1] Alla fine tornò a fare con successo il produttore e il regista di pubblicità televisive. Ha ricominciato a recitare solo nel 2006, apparendo nel film Tutti gli uomini del re e con una grande performance nel film del 2006 Little Children nei panni di uno stupratore che ha lasciato la critica stupefatta. Quest'ultimo ruolo è stato influenzato dalla relazione tra suo fratello Tru, che è morto a causa di un'overdose di eroina, e la loro madre.[2] È stato nominato per l'Oscar come Miglior Attore non Protagonista per questa interpretazione e nel 2007 è stato invitato ad unirsi alla Academy of Motion Picture Arts and Sciences.[3]

Haley possiede una società di produzione, la JEH Productions, a San Antonio, in Texas.

Ha partecipato alle pellicole Semi-Pro e Winged Creatures. È stato scelto dal regista Zack Snyder per interpretare il vigilante Rorschach in Watchmen (2009), adattamento cinematografico del graphic novel di Alan Moore[4]. La sua interpretazione, molto calibrata, è stata apprezzata.[senza fonte]

Nell'aprile 2010 è stato scritturato per interpretare la figura del maniaco Freddy Krueger nel riavvio della saga Nightmare[5], prendendo così il ruolo appartenuto a Robert Englund per otto film e una serie TV, in un progetto della New Line previsto per il 2010. Per questo suo ruolo, grande è la prova in quanto si troverà a mettersi nei panni di un cattivo molto particolare e decisamente un'icona del genere dell'orrore.

Sempre nel 2010 è parte del cast di Human Target, interpretando Guerrero, un killer senza scrupoli che offre i propri servizi a Christopher Chance (protagonista della serie).

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Haley è nato e cresciuto a Northridge (California). Si è sposato la prima volta con Sherry Vaughan nel 1979. Ha due bambini: Christopher (nato nel 1986) avuto con la seconda moglie e Olivia (nata nel 1998) avuta da una precedente relazione. Ha sposato la sua terza moglie, Amelia Cruz, nel 2004.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti come attore non protagonista ricevuti per la sua performance in Little Children:

Nomination[modifica | modifica sorgente]

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Earle Haley è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Willa Paskin, "It felt like this was supposed to happen", Salon.com. URL consultato il 25 luglio 2007.
  2. ^ Omar P.L. Moore, Popcorn Reel In Focus Interview: "Little Children"'s Jackie Early Haley. URL consultato il 25 luglio 2007.
  3. ^ Film Academy Invites 115 New Members, Associated Press, 19 giugno 2007. URL consultato il 25 luglio 2007.
  4. ^ Borys Kit, 'Watchmen' powering up with castings, The Hollywood Reporter, 26 luglio 2007. URL consultato il 26 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 2007-08-01).
  5. ^ Dave McNary, «New Line finds its Freddy Krueger». Variety, 03-04-2009 (consultato in data 04-04-2009)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24206463 LCCN: no97043312