Jackass: The Movie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jackass: The Movie
Jackass The Movie.JPEG
Una scena del film
Titolo originale Jackass: The Movie
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 86 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, azione
Regia Jeff Tremaine
Sceneggiatura Jeff Tremaine
Johnny Knoxville
Spike Jonze
Produttore Sean Cliver
Dimitry Elyashkevich
Spike Jonze
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Jackass: The Movie è un film diretto da Jeff Tremaine. Uscì nei cinema il 25 ottobre 2002, con il sottotitolo "Non provate a farlo a casa" ed è una continuazione più pericolosa degli stunt e degli scherzi eseguiti dai personaggi nella serie TV di MTV Jackass.

Il film fu prodotto da MTV Films e distribuito da Paramount Pictures.

Al film ha preso parte tutto il cast di Jackass, oltre a altri personaggi apparsi frequentemente in Jackass come Manny Puig, Phil e April Margera.

Piccoli camei sono stati fatti dall'attore Rip Taylor, il cantante Henry Rollins, il boxeur Butterbean, lo skater Tony Hawk e il bmxer Mat Hoffman.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film si apre con i titoli di testa su una nube di polvere bianca in mezzo ad una strada, con il sottofondo della lirica "O Fortuna" del tedesco Carl Orff; pian piano viene fuori un carrello della spesa in avanzamento rapido, che segnerà lo stunt più famoso di tutta la serie e del film stesso, con tutto il cast di Jackass sopra, con due di loro che cercano di salire a tutti i costi. Il primo perde la presa e cade a terra, mentre il secondo, Dave England, si aggrappa e rimane sul bordo. Tutti quanti si picchiano ripetutamente, ridendo e scherzando, correndo a tutta velocità su questa discesa stradale con una giraffa che viene portata via e dei tubi laterali ai parapetti autostradali che sparano colonne di fumo. All'improvviso altri tubi piazzati in orizzontale sputano senza tregua calcinacci, polvere e mattoni costringendo Preston Lacy, aggrappato al davanti del carrello, a buttarsi sopra dei sacchi di spazzatura di passaggio, il tutto alternando rallentatore e ripresa normale. Intanto il primo compagno con il casco ha raggiunto a piedi il carrello in quella corsa impazzita, ma viene messo k.o. assieme a England da una scarica di cemento spaccato a pezzi e ricade a terra rotolando.

I pochi sopravvissuti sono ricoperti di polvere marroncina, finché Johnny non si alza in piedi gridando il suo saluto "Hi, I'm Johnny Knoxville, welcome to Jackass!" finché il carrello non termina la sua carica e tutti si buttano contemporaneamente in avanti tuffandosi sopra un mucchio di immondizia, mentre il carrello si ribalta.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Realizzazione[modifica | modifica sorgente]

Molte scene sono state girate in Giappone perché in America ogni volta che giravano una scena venivano riconosciuti da numerosi fan di Jackass. Un altro motivo per le riprese giapponesi è il fatto che in Giappone la legge consente di non censurare le facce di persone riprese senza consenso.

Oltre a Knoxville, altri infortuni sul set furono quelli occorsi agli skater Tony Hawk e Matt Hoffman durante lo stunt degli skater ciccioni e Steve-O che riportò numerose infezioni dopo essersi lanciato in un fiume contaminato. Il carrello usato all'inizio del film venne costruito e utilizzato per il film "The Incredible Shrinking Woman". Durante il finale "The son of Jackass" (il figlio di Jackass) l'unico membro del cast a non esser travestito da anziano fu Ehren McGhehey, a quanto pare perché i truccatori non vi riuscirono.

Essendo il film meno soggetto a censura rispetto alla versione trasmessa in TV, i partecipanti sapevano di poter esagerare nei loro stunt. Per questo inserirono parolacce (come in April dice cazzo, dopo aver visto nel suo soggiorno un alligatore), stunt estremi (come in Pattini a razzo, girato per l'edizione televisiva ma mai autorizzato alla messa in onda), e umorismo estremamente crudo (come in Raggi X al culo, dove a Ryan Dunn viene messa una macchinina avvolta in un preservativo dentro al retto ed è sottoposto a un esame ai raggi x).

Danni sul set[modifica | modifica sorgente]

In questo film vengono eseguiti stunt molto pericolosi, come dimostrato già dall'inizio in scontro tra macchine a noleggio, ed è capitato che qualcuno rimanesse ferito. Nel primo stunt, Johnny Knoxville prende una macchina a noleggio che modifica per prendere parte a un demolition derby. Verso la fine un altro partecipante colpisce il cofano della macchina di Knoxville e rompe il parabrezza con la ruota. Nel commento al film, il regista Jeff Tremaine ha spiegato che quella è stata la prima volta (ma non l'ultima) in cui ha pensato "Wow, abbiamo appena ucciso Johnny Knoxville".

In un altro stunt si rischiarono di avere conseguenze peggiori. Sempre Johnny Knoxville, dopo uno scontro con dei golf cart, rischiò di rompersi l'osso del collo e un'altra volta dopo aver fatto un incontro in un negozio con il pugile Butterbean, riportò una commozione cerebrale.

Finale differente[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del film si vede Johnny Knoxville lanciato da una catapulta in una palude, dove su una barca è seduto Rip Taylor che annuncia che "questa è la fine", il tutto seguito dai titoli di coda che scorrono sopra a immagini tagliate dal film.

In teoria il finale originale doveva essere una grande reazione a catena costituita da vari macchinari, in cui ognuno dei membri di Jackass avrebbe dovuto fare un piccolo stunt relativo a quanto visto nel film (ad esempio Preston Lacy avrebbe dovuto essere la "palla da demolizione umana", schiantandosi contro un WC portatile), con alla fine Johnny Knoxville lanciato dalla catapulta accanto a Rip Taylor.

L'insieme di marchingegni non funzionò come dovuto e quindi i produttori decisero di filmare un finale alternativo, quello che venne ribattezzato Il figlio di Jackass. In questa parte tutti gli attori con dei costumi da persone anziane corrono in mezzo a edifici e altre cose che esplodono; alla fine solo Steve-O sopravvive e proclama il suo "Sii ciccio". Alcune parti del finale sbagliato sono state inserite nei titoli di coda.

Censura[modifica | modifica sorgente]

Alcune parti del film sono state modificate per motivi legali. In Test di controllo rivolte, Johnny Knoxville viene colpito da un piccolo proiettile non mortale sparato da un fucile a pompa. Questo stunt dovette essere modificato perché il cast di Jackass poteva evitare la responsabilità civile, ma non quella criminale, e se qualcuno del cast fosse morto durante uno stunt sarebbero stati accusati di omicidio colposo. Anche nella scena finale, Raggi X al culo è stato tolto il momento in cui la macchinina viene inserita nell'ano di Ryan Dunn, cosa che avrebbe catalogato il film come "pornografico".

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il film durante i Razzie Awards 2002 ha vinto il premio come Più flatulento film per adolescenti.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Jackass: The Movie fu realizzato con un budget di circa 5 milioni di dollari, ma nel primo weekend nelle sale cinematografiche ne guadagnò oltre 22 milioni, per un totale di circa 64 milioni in totale solo in America.

Anche se inizialmente si continuava a ripetere che un secondo film non sarebbe stato girato, nel settembre 2006 è uscito il film Jackass Number Two.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema