Jack Hirschman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jack Hirschman (New York, 13 dicembre 1933) è un poeta statunitense.

Jack Hirschman (a sinistra) con il traduttore Janusz Zalewski al City Lights Bookstore Beats Festival (San Francisco, 2007).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Jack Hirschman e Agneta Falk fotografati al Caffe Trieste di San Francisco, luglio 2013

È stato professore di inglese alla UCLA di Los Angeles dal 1961. Nel 1966 fu licenziato perché promotore di una serie di proteste e manifestazioni contro la guerra in Vietnam, attività definite "contro lo Stato". Una di queste fu l'attribuire la "A", ossia il massimo dei voti, a tutti gli studenti destinati all'arruolamento per aiutarli a sfuggire alla guerra.
Nel 1954 sposò una compagna di classe del City College, Ruth Epstein, dalla quale ebbe due figli, David nel 1956 e Celia nel 1958. Da lei divorziò nel 1974.
Fu molto vicino alla Beat Generation, amico di Allen Ginsberg, Gregory Corso, Bob Kaufman, Martin Matz e di tutti gli altri poeti beat.
Da essi prese le distanze, tuttavia, definendo la loro una "rivoluzione borghese", fatta di droghe e di misticismo orientale. Più vicino politicamente e culturalmente, invece, ai movimenti radicali afroamericani, come il Black Panther Party ed a poeti come Amiri Baraka.
Nel 1980 aderì al Communist Labor Party, divenendo un "attivista culturale" collaborando con un gruppo di "poeti attivisti". Tra questi: Sarah Menefee, Michael Warr, Luis Rodriguez, Kimiko Hahn e Bruno Gullì. Il gruppo si sciolse nel 1992.
Lo scrittore è sposato con la poetessa anglo-svedese Agneta Falk e dalla seconda metà degli anni novanta è un assiduo collaboratore dell'iniziativa "Casa della Poesia" di Baronissi (SA). Il comune di Baronissi gli ha conferito la cittadinanza onoraria[1][2] il 13 dicembre 2008, in occasione del suo 75º compleanno.
È inoltre amico del poeta veneziano Ferruccio Brugnaro, del quale ha tradotto due opere.

Le Opere[modifica | modifica sorgente]

Ha pubblicato più di 100 libri, tra poesie e traduzioni, sebbene ignorato dal mercato culturale americano.
Nel 1972 Jack Hirschman ha cominciato a scrivere i suoi poemi lunghi, gli Arcanes, che egli descrive come lavori alchemici.

« stiamo sorgendo, essi non sono niente, promettiamo solennemente fedeltà

ai popoli del mondo che si sollevano con noi, per distruggere
la piovra fascista alimentata dagli Stati Uniti »

(da Arcani, traduzione di Raffaella Marzano)

Negli ultimi 32 anni ne ha scritti più di 120, ed erano rimasti per lo più inediti fino alla pubblicazione del monumentale volume "The Arcanes", pubblicato dalla Multimedia Edizioni / Casa della poesia in lingua inglese.

« Smetterò di scrivere e dipingerò soltanto

smetterò di dipingere e canterò soltanto
smetterò di cantare e me ne starò seduto soltanto
smetterò di stare seduto e respirerò soltanto
smetterò di respirare e morirò soltanto
smetterò di morire e amerò soltanto
smetterò di amare e scriverò soltanto »

(da "Volevo che voi lo sapeste", traduzione di Raffaella Marzano)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo sul Corriere della Sera
  2. ^ Articolo su casadellapoesia.org

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A correspondance of Americans (1960)
  • Black Alephs (1969)
  • Lyripol (1976)
  • The Bottom Line (1988)
  • Endless Threshold (1992)
  • Front Lines (2002)
  • I was Born Murdered (2004)
  • The Arcanes (2006)

Pubblicazioni in Italia[modifica | modifica sorgente]

  • Soglia infinita (Multimedia Edizioni, Salerno, 1993)
  • Arcani (Multimedia Edizioni, Salerno, 2000)
  • Volevo che voi lo sapeste (Multimedia Edizioni, 2005)
  • 12 Arcani (Multimndia Edizioni, 2005)
  • The Arcanes (Multimedia Edizioni, 2006)
  • Jack Hirschman Ep.1 [OHM Records] (2007) (Le poesie scritte da Jack Hirschman vengono messe in musica Tech-House da un gruppo di dj e produttori di Trieste, chiamato electrosacher. Il disco viene pubblicato dalla casa discografica OHM Records di Trieste, Italia.)
  • "Cant' voice your name" translated by Jack Hirschman from "Afona del tuo nome" autor Teodora Mastrototaro(CC. Marimbo, Berkeley CA, 2010)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32129679