Jack Frost (film 1998)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jack Frost
Jack Frоst (film 1998).png
Una scena del film
Titolo originale Jack Frost
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1998
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, fantastico, drammatico
Regia Troy Miller
Sceneggiatura Mark Steven Johnson
Produttore Mark Canton
Fotografia László Kovács
Montaggio Lawrence Jordan
Effetti speciali Henson Creature Shop & Cannom Creations Inc
Musiche Trevor Rabin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Jack Frost è un film del 1998 diretto da Troy Miller con Michael Keaton e Kelly Preston.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Frost è veramente molto unita, nonostante il lavoro conduca Jack lontano da casa anche per lunghi periodi: Jack fa il musicista e con la sua band è impegnato nelle tournée, al termine delle quali ritrova gli affetti che per lui contano di più, la moglie Gabby e il figlioletto Charlie.

Ma un giorno dentro questa situazione irrompe la tragedia: rifiutando di andare ad uno spettacolo con la sua band, Jack di ritorno verso casa ha un incidente d'auto e muore a causa di una tempesta di neve che riduce la visibilità. La moglie e il figlio devono inventarsi una nuova vita. È difficilissimo per tutti e due ma, quando arriva Natale, nella cittadina ricoperta di neve, Charlie, che ha ora 12 anni, costruisce un pupazzo col quale, poco dopo, comincia a parlare. Il pupazzo risponde con la voce di Jack. Charlie ha ritrovato la presenza del padre, con lui si confida e da lui incoraggiato torna nella squadra di hockey della scuola.

Il giorno della partita, la squadra vince e Charlie vorrebbe festeggiare con il padre. Ma in ambienti non adatti il pupazzo rischia di sciogliersi e Charlie chiede alla mamma di accompagnarlo in montagna, dove il freddo ne garantisce la sopravvivenza. Gabby non vuole prolungare l'illusione del figlio e si rifiuta. Charlie va da solo insieme al pupazzo di neve su un camion il quale visto le sue enormi dimensioni, per essere caricato viene aiutato da Rory Buck, un ragazzo poco più grande di lui e membro della squadra di hockey avversaria alla sua, che non perde mai l'occasione per dare fastidio a lui e ai suoi amici facendo il bulletto, e che cambia però radicalmente atteggiamento quando Charlie gli rivela che il pupazzo di neve ha preso vita con l'anima del defunto padre Jack. Rory, che anche lui non ha mai conosciuto il proprio padre prende a cuore Charlie e ne diviene suo amico. Dopo aver viaggiato qualche ora Charlie e il pupazzo di neve arrivano alla casa in montagna e la mattina dopo arriva Gabby proprio mentre Jack si rivela nel suo vero aspetto fisico.

Saluta moglie e figlio dicendo che per lui è il momento di lasciarli volando in cielo. Gabby e Charlie restano dentro casa più forti e uniti di prima.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema