Jaap de Hoop Scheffer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jaap de Hoop Scheffer
Dehoopscheffercrop.jpg

Segretario generale della NATO
Durata mandato 1º gennaio 2004 –
31 luglio 2009
Predecessore Alessandro Minuto Rizzo
Successore Anders Fogh Rasmussen

Dati generali
Partito politico CDA

Jaap de Hoop Scheffer (all'anagrafe Jakob Gijsbert de Hoop Scheffer) (Amsterdam, 3 aprile 1948) è un politico olandese. Dal gennaio 2004 al luglio 2009 è stato il Segretario generale della NATO

La formazione e la carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Giurista e ufficiale della riserva[modifica | modifica wikitesto]

De Hoop Scheffer ha studiato legge all'Università di Leida.

Assolto il servizio militare nell'aeronautica, della quale è un ufficiale della riserva, ha lavorato per il ministero degli Affari esteri dal 1976 all''86.

Funzionario del ministero degli Esteri[modifica | modifica wikitesto]

In questa veste, trascorse i primi due anni presso l'ambasciata olandese in Ghana.

Successivamente, ha prestato servizio per la delegazione olandese al Quartier generale della NATO a Bruxelles fino al 1980.

La militanza politica[modifica | modifica wikitesto]

Da liberale del D'66 a democristiano[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante facesse già parte del partito D'66, divenne un membro del Christen-Democratisch Appèl (CDA) nel 1982.

Alle elezioni del 1986, venne eletto alla Camera Alta del Parlamento, svolgendo la funzione di oratore sui temi di politica estera per il suo partito.

Tra il 1997 e il 2001, è stato il presidente del gruppo CDA presso la Camera Alta, mentre il partito si trovava all'opposizione. Il ricoprire tale carica faceva di lui il capo del partito.

La contrastata guida dei cristiano-democratici[modifica | modifica wikitesto]

Al momento della presentazione delle candidature alle elezioni del 2002 il suo ruolo di capo del partito divenne contrastato.

Dopo una lotta interna con il presidente del partito Van Rij, De Hoop Scheffer si dimise da leader.

Gli successe Jan Peter Balkenende, acquisendo il posto di capolista del CDA alle elezioni del 15 maggio 2002.

Ministro degli Affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni del 2002 vennero vinte dal CDA, che acquisì il diritto di esprimere il capo ed i posti-chiave del governo.

Il nuovo primo ministro Balkenende designò De Hoop Scheffer alla carica di ministro degli Affari esteri per la breve durata del suo primo governo, confermandolo anche nel secondo, costituito dopo le elezioni del 22 gennaio 2003.

Una politica "atlantista"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003, la politica estera dei Paesi Bassi, che fu in larga parte determinata da De Hoop Scheffer e Balkenende, fu caratterizzata dalla loro approvazione dell'Operazione Libertà Irachena, nonostante la formula adottata (appoggio "politico" ma non "militare") presentasse un carattere ambivalente.

Nel 2003, in qualità di ministro degli Esteri olandese, Jaap de Hoop Scheffer fu il presidente di turno dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

Segretario generale della NATO[modifica | modifica wikitesto]

De Hoop Scheffer, dopo che l'italiano Antonio Martino aveva rifiutato la candidatura offertagli dagli Stati Uniti d'America[non chiaro], è stato dal 5 gennaio 2004 al 31 luglio 2009 l'undicesimo Segretario generale della NATO, succedendo a Lord Robertson, che occupava la carica dal 1999. Il suo vice era l'ambasciatore italiano Claudio Bisogniero.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze olandesi[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Orange-Nassau
— 22 maggio 2002
Ufficiale dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di Orange-Nassau
— 12 dicembre 2003
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau
— 6 luglio 2009

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I classe dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria)
— 2009
Cavaliere di gran croce del Grand'ordine del Re Tomislavo (Croazia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce del Grand'ordine del Re Tomislavo (Croazia)
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento della posizione internazionale della Repubblica croata e alla promozione della cooperazione fra la NATO e la Repubblica croata.»
— Zagabria, 5 febbraio 2009[1]
Cavaliere di Gran Croce del Grand'Ordine del Re Petar Krešimir IV (Croazia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Grand'Ordine del Re Petar Krešimir IV (Croazia)
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento della posizione internazionale della Repubblica croata e alla promozione della cooperazione fra la NATO e la Repubblica croata.»
— Zagabria, 5 febbraio 2009[2]
Cavaliere di I classe dell'Ordine della croce della terra mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine della croce della terra mariana (Estonia)
— 6 luglio 2009
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 16 febbraio 2009[3]
Commendatore di gran croce dell'Ordine delle tre stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di gran croce dell'Ordine delle tre stelle (Lettonia)
— 2004
Gran croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
— 26 giugno 2009
Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica di Polonia
— 12 marzo 2009
Cavaliere Comandante Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Comandante Onorario dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito)
— 2010[4]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della stella di Romania
— 2004
Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 17 luglio 2009[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (HR) Odluka kojom se odlikuje Njegova Ekscelencija Jakob Gijsbert de Hoop Scheffer, Glavni tajnik NATO saveza, Veleredom kralja Petra Krešimira IV. s lentom i Danicom, za izniman doprinos jačanju međunarodnog položaja Republike Hrvatske i promicanju suradnje između NATO-a i Republike Hrvatske, Narodne novine, 5 febbraio 2009. URL consultato il 6 novembre 2010.
  2. ^ http://narodne-novine.nn.hr/clanci/sluzbeni/2009_05_56_1315.html
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  4. ^ Hoge Britse ridderorde voor De Hoop Scheffer. (NL)
  5. ^ Dal sito della Presidenza della Repubblica

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENFR) Biografia - Dal sito ufficiale della NATO.
Predecessore Segretario generale della NATO Successore Flag of NATO.svg
Alessandro Minuto Rizzo 1º gennaio 2004 - 31 luglio 2009 Anders Fogh Rasmussen

Controllo di autorità VIAF: 85419232