Jürgen Schult

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jürgen Schult
Bundesarchiv Bild 183-1987-0821-043, Jürgen Schult.jpg
Jürgen Schult nel 1987.
Dati biografici
Nazionalità Germania Est Germania Est
Germania Germania
Altezza 193 cm
Peso 110 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Lancio del disco
Record
Disco 74,08 m Record mondiale (1986)
Ruolo Atleta
Società Sportclub Traktor Schwerin
Sportclub Schwerin
Sportverein Riesa
Ritirato 2004 - atleta
Carriera
Nazionale
1979-1990
1991-2000
Germania Est Germania Est
Germania Germania
Carriera da allenatore
2001- Federazione tedesca di atletica leggera
Palmarès
Germania Est Germania Est
Giochi olimpici 1 0 0
Mondiali 1 0 0
Europei 1 0 0
Europei juniores 1 0 0
Germania Germania
Giochi olimpici 0 1 0
Mondiali 0 1 2
Europei 0 1 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 3 agosto 2010

Jürgen Schult (Amt Neuhaus, 11 maggio 1960) è un ex atleta e allenatore tedesco, specializzato e primatista mondiale nel lancio del disco. All'inizio della sua carriera, fino alle Olimpiadi di Seul 1988 rappresentava la Germania Est.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Schult non poté partecipare alle Olimpiadi di Los Angeles 1984 a causa del boicottaggio dei giochi da parte della sua nazione. Nel 1986 però dimostrò al mondo intero la sua forza stabilendo il nuovo record del mondo in 74,08 metri, migliorando il precedente di ben 2,22 metri, stabilito dal sovietico Jurij Dumčev.

Nel 1988, durante la prima competizione in assoluto fra Germania Est e Germania Ovest, Schult si rifiutò di stringere la mano all'avversario che aveva sconfitto, Wolfgang Schmidt, il quale era da poco tempo passato a competere per la Germania Ovest.

Schult possiede una laurea in sport e nel 2001 divenne l'allenatore della squadra tedesca di lancio del disco.

Accuse doping[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991, molti atleti sono stati trovati positivi a test antidoping come ad esempio Brigitte Berendonk e Werner Franke ed i ricercatori della Militärmedizinische Akademie Bad Saarow iniziarono a fare molti studi sul doping. Sulla base di queste ricerche si è arrivati a pensare che moltissimi atleti della Repubblica Democratica Tedesca per migliorare le proprie prestazioni abbiano fatto uso di doping. Poco dopo vennero scoperti dei documenti che andavano a certificare che, tra il 1981 ed il 1984, vennero somministrate a Schult dosi di Oral-Turinabol, uno steroide anabolizzante.[1][2] L'atleta tedesco, ha comunque sempre negato l'assunzione di anabolizzanti.

Progressione[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Misura Note
1979 Europei juniores Polonia Bydgoszcz Lancio del disco Oro Oro 56,18 m
1983 Mondiali Finlandia Helsinki Lancio del disco 64,92 m
1986 Europei Germania Ovest Stoccarda Lancio del disco 64,38 m
1987 Mondiali Italia Roma Lancio del disco Oro Oro 68,74 m
1988 Olimpiadi Corea del Sud Seul Lancio del disco Oro Oro 68,82 m
1990 Europei Jugoslavia Spalato Lancio del disco Oro Oro 64,58 m
1991 Mondiali Giappone Tokyo Lancio del disco 63,12 m
1992 Olimpiadi Spagna Barcellona Lancio del disco Argento Argento 64,94 m
1993 Mondiali Germania Stoccarda Lancio del disco Bronzo Bronzo 66,12 m Record personale stagionale
1994 Europei Finlandia Helsinki Lancio del disco Bronzo Bronzo 64,18 m
1995 Mondiali Svezia Göteborg Lancio del disco 64,44 m
1996 Olimpiadi Stati Uniti Atlanta Lancio del disco 64,62 m
1997 Mondiali Grecia Atene Lancio del disco Bronzo Bronzo 66,14 m
1998 Europei Ungheria Budapest Lancio del disco Argento Argento 66,69 m Record personale stagionale
1999 Mondiali Spagna Siviglia Lancio del disco Argento Argento 68,18 m Record personale stagionale
2000 Olimpiadi Australia Sydney Lancio del disco 64,41 m

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vince il premio Rudolf-Harbig-Gedächtnispreis dell'anno 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Schweizer Geheimbund, Spiegel.de, 27 luglio 1992. URL consultato il 24 agosto 2011.
  2. ^ Brigitte Berendonk, 1991, p. 128.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Volker Kluge, Wer war wer in der DDR?, Berlino, 5. Ausgabe, 2010, ISBN 978-3-86153-561-4.
  • (EN) David Wallechinsky, The complete book of the summer Olympics, Sportclassic Books, 2004, ISBN 978-1-894963-32-9.
  • (DE) Brigitte Berendonk, Doping-Dokumente - Von der Forschung zum Betrug, Berlino, Springer-Verlag, 1991, ISBN 3-540-53742-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]