Jülich-Kleve-Berg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jülich-Kleve-Berg fu una combinazione di stati del Sacro Romano Impero. Nel 1423 i ducati di Jülich e Berg erano uniti e nel 1521 si unirono con il Ducato di Kleve e con la Contea di Mark per formalre lo Jülich-Kleve-Berg.

Alla morte di Giovanni Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg, deceduto senza eredi nel 1609, la sua eredità venne discussa tra gli eredi delle sue sorelle maggiori: Il figlio della sorella maggiore era Elettore di Brandeburgo, un protestante. Il figlio della seconda sorella, erede del Palatinato-Neuburg, un cattolico. Le guerre dell'epoca tra cattolici e protestanti che presto portarono alla Guerra dei Trent'anni, e la disputa per la successione rientrò proprio in questi avvenimenti. Infine il Brandeburgo ricevette Kleve-Mark e Neuburg ricevette Jülich-Berg. Neuburg presto divenne un Elettorato Palatino, ma la Prussia prese possesso di Jülich-Berg. Nel 1701 gli elettori di Brandeburgo, dei quali Kleve-Mark fu il primo possesso della Germania dell'Ovest, divennero re di Prussia.

Nel 1815, dopo il Congresso di Vienna, il ducato divenne interamente parte delle province prussiane, divenendo la Provincia di Jülich-Kleve-Berg. Nel 1822 venne unito al Granducato del Basso Reno per formare la Provincia del Reno.

Duchi di Jülich-Kleve-Berg[modifica | modifica wikitesto]