Jörg Buttgereit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jörg Buttgereit (Berlino, 20 dicembre 1963) è un regista e sceneggiatore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Berlino Ovest, sin da piccolo si appassiona ai monster movie. Il giorno della prima comunione riceve in dono una cinepresa super 8[1], e dal 1977 comincia a realizzare cortometraggi amatoriali come Gags und Schwarzer Humor (parodia di uno spot televisivo) o Color Trip (pellicola sperimentale realizzata intervenendo fisicamente sul girato).

Nel 1984, col produttore e regista underground Manfred Jelinski, attivo dagli anni sessanta[2], Buttgereit realizza un lungometraggio di 90 minuti in super 8: So War Das S.O.36 - Ein Abend Der Nostalgie, un documentario sull'SO36, noto locale punk di Berlino.

Dopo il mediometraggio horror exploitation Hot love, che gli comincia a valere una certa notorietà nel circuito underground europeo, Buttgereit realizza il suo film più conosciuto, Nekromantik (1987), sempre prodotto da Jelinski. Si tratta di un'esplicita storia di necrofilia estrema realizzata con pochissimi mezzi e un occhio registico attento e raffinato, al contrario della maggior parte dei film del genere. Il film consegna Buttgereit alla notorietà nei circuiti exploitation e art house internazionali, fra il plauso dei critici berlinesi e una sostanziale inerzia censoria. La censura tedesca si attiverà, con un corollario di denunce e accuse di oscenità, all'uscita del seguito, Nekromantik 2 (1991)[3]. Nekromantik è al momento proibito in numerosi paesi, fra cui Islanda, Norvegia, Malesia, Singapore, Australia, Finlandia.

Ricevono una grossa attenzione critica anche il film a episodi Der Todesking (1989) e il serial killer movie Schramm (1993).

Buttgereit porta avanti una parallela carriera di regista di videoclip e programmi televisivi, nonché di rappresentazioni teatrali e radiodrammi di cui è anche autore. Nel 2013 cura al Theater Dortmund una messa in scena della commedia di Bernard Pomerances The Elephant Man[4].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Fiction[modifica | modifica wikitesto]

  • Interview with Frankenstein (1977, cortometraggio)
  • Der explodierende Turnschuh (1980, cortometraggio)
  • Manne - Der Muwi (1980, cortometraggio)
  • Ogar der Hässliche (1981, cortometraggio)
  • Blutige Exzesse im Führerbunker (1982)
  • Captain Berlin - Retter der Welt (1982, cortometraggio)
  • Der Gollob (1983, cortometraggio)
  • J.B.'s Horror Heaven (1984, cortometraggio)
  • Hot Love (1984)
  • Jesus – Der Film (1986, con Michael Brynntrup, Chris Dreier, Almut Iser, Konrad Kaufmann, Dietrich Kuhlbrodt, Georg Ladanyi, Giovanni Mimmo, Stiletto, Andreas Wildfang)
  • Nekromantik (1987)
  • Der Todesking (1989)
  • Nekromantik 2 (1991)
  • Schramm (1993)
  • Captain Berlin versus Hitler (2010)
  • Video Nasty (2011)
  • Sexmonster! (2013, cortometraggio)
  • Green Frankenstein (2013)

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Der Trend - Punkrocker Erzählen Aus Ihrem Leben (1981 - 1982, cortometraggio)
  • Mein Papi (1981 - 1995, cortometraggio)
  • So War Das S.O.36 - Ein Abend Der Nostalgie (1984 - 1985, con Manfred Jelinski)
  • Corpse Fucking Art (1992)
  • Die gläsernen Sarkophage (1997)
  • Die Monsterinsel (2002)
  • Durch die Nacht mit... (2006 - 2010, serie TV)
  • Monsterland (2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Kerekes, Sex, Murder, Art: The Films of Jörg Buttgereit, Manchester, Headpress, 1988, ISBN 09-52-32-8844
  • Jörg Buttgereit (Editor), Nekromantik, Berlino, Martin Schmitz Verlag, 2007, ISBN 978-3-927795-46-4

Saggi e studi[modifica | modifica wikitesto]

  • Japan - Die Monsterinsel: Godzilla, Gamera & Co, Berlino, Martin Schmitz Verlag, 2006, ISBN 978-3-927795-44-0
  • Nightmares in Plastic (con Thomas Ecke e Rainer F. Engel), Monaco, Belleville Verlag, 2001, ISBN 978-3-933510-46-4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Buttgereit Background. URL consultato il 2 luglio 2014.
  2. ^ Biografie und Werke. URL consultato il 2 luglio 2014.
  3. ^ Linne Blake, Jörg Buttgereit's Nekromantiks: Things to do in Germany with the dead, in Mathijs, Ernest, Alternative Europe: Eurotrash and Exploitation Cinema Since 1945, Wallflower Press, 2004
  4. ^ Sascha Westphal, Der Freak in dir, http://www.nachtkritik.de/, novembre 2013. URL consultato il 9 ottobre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]