Ivar Lo-Johansson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harry Martinson e Ivar Lo-Johansson (a destra)

Ivar Lo-Johansson (Ösmo, 23 febbraio 1901Stoccolma, 11 aprile 1990) è stato uno scrittore svedese vincitore del Nordic Council's Literature Prize nel 1979, noto esponente della cosiddetta Letteratura proletaria. Nei suoi romanzi soprattutto, ma anche occasionalmente in racconti e rari articoli di giornale, ha narrato soprattutto le condizioni dei lavoratori svedesi, soffermandosi soprattutto sulla questione della Jordreform (Riforma della terra) - che, in sintesi, prevedeva una più equa distribuzione dei lotti appartenenti allo Stato ai contadini.

Romanzi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Vagabondliv i Frankrike (1927)
  • Kolet i våld (1928)
  • Ett lag historier (1928)
  • Nederstigen i dödsriket (1929)
  • Zigenare (1929)
  • Mina städers ansikten (1930)
  • Jag tvivlar på idrotten (1931)
  • Måna är död (1932)
  • Godnatt, jord (1933)
  • Statarna (1936-37)
  • Jordproletärerna (1941)
  • Bara en mor (1939)
  • Traktorn (1943)
  • Geniet (1947)
  • En proletärförfattares självbiografi (1951-60)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]