Ivano Beggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ivano Beggio (Rio San Martino, 31 agosto 1944) è un imprenditore italiano, per molti anni presidente della casa motociclistica Aprilia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizia ad appassionarsi di motori già da quando, giovanissimo, affianca il padre Alberto nella fabbrica artigianale di biciclette Aprilia che gestiva a Noale nell'immediato dopoguerra. Nei primi anni settanta subentra al padre e avvia la produzione di motociclette e scooter.

Nel 1975 inizia a costruire motociclette da competizione, che nel 1977 si aggiudicano il campionato italiano cross delle classi 125 e 250.

Nel 1980 inizia a produrre in serie motociclette di piccola cilindrata (50 e 125 cm3), mentre a partire dagli anni ottanta e novanta, costituisce un nucleo di progettisti e designer che lancia modelli Aprilia di grande successo, destinati alla mobilità urbana, esteticamente e tecnologicamente innovativi: nel 1991 lo Scarabeo; nel 1992 il primo scooter e la prima moto due tempi con marmitta catalitica; nel 1993 il primo scooter targato. Nel 2000 il motore Ditech (Direct Injection Technology).

Nel 1998 entra nel settore delle moto di grande cilindrata con la RSV Mille (moto dell'anno nel 1999).

Nel 2000 Aprilia acquisisce i marchi Moto Guzzi e Moto Laverda, e consegue numerosi successi anche in campo sportivo. Nel 2004 Beggio cede il gruppo alla Piaggio restando comunque presidente onorario dell'azienda fino al 2006.

Impegno nel sociale[modifica | modifica sorgente]

Ivano Beggio è tra i fondatori dell'Associazione Amici del cuore e della Fondazione Salus Pueri.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
«È presidente della Aprilia S.p.A., azienda produttrice di motociclette e scooters. Ivano Beggio ha trasformato l'attività artigianale paterna, nel settore della bicicletta, in un'affermata e nota azienda con elevatissimi livelli di innovazione tecnologico-produttiva. L'azienda è passata da un fatturato di 7 miliardi di lire del 1982 agli oltre 970 del 1997. Dai 50mila motoveicoli prodotti nel 1991 al 290mila del 1997 dei quali il 45% destinati all'export. Le moto con il marchio Aprilia si sono aggiudicate 9 campionati del mondo, con più di 70 vittorie nei gran Premi, confrontandosi con i colossi dell'industria motoristica giapponese. 1 dipendenti diretti sono 1170. Ivano Beggio ha ricoperto per tre mandati consecutivi la carica di Presidente dell'Associazione degli Industriali della provincia di Venezia.»
— Roma, 1998[1]
Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 27 dicembre 1998[2]

Lauree honoris causa: ingegneria meccanica dall'Università di Pisa nel 1999 e in economia aziendale dall'Università di Venezia, Cà Foscari nel 2002.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]