Ivan Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ivan Mosca, nome d'arte di Giovanni Mosca (Parma, 14 gennaio 1915Roma, 2005), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ancora giovane si trasferisce a Milano dove frequenta la Scuola del Libro della Società Umanitaria, e successivamente l'Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Monza. Durante questo periodo si interessa all'arte astratta e stringe amicizia con altri artisti che gravitano intorno alla galleria d'arte "Il Milione", tra i quali Osvaldo Licini, Manlio Rho, Mario Radice ed Atanasio Soldati.

Nel 1936 si trasferisce a Roma per frequentare l'Accademia di Belle Arti, dove inizia ad elaborare un proprio stile più vicino al neo-espressionismo.

Nel 1943, per sfuggire ai rastrellamenti successivi all'armistizio, si rifugia in Francia, ritornando in Italia dopo la fine della guerra. A Roma inizia ad esporre i suoi lavori in mostre allestite in spazi pubblici (nel 1945 alla Casa della Cultura, nel 1947 a Palazzo Venezia, nel 1948 a Valle Giulia e a Villa Torlonia), acquisendo una certa notorietà per i suoi disegni e le sue litografie che spesso hanno come soggetto gli insetti.

Fondamentale fu il suo incontro con Irene Brin e Gaspero del Corso, proprietari della galleria d'arte "l'Obelisco", che contribuirono alla diffusione dei suoi dipinti e disegni all'estero e particolarmente negli Stati Uniti.

Ivan Mosca, che ha aderito alla Massoneria nel 1947, è stato Gran Maestro aggiunto del Grande Oriente d'Italia dal 1978 al 1982[1]; CBCS col nome d'ordine di "Eques Peregrinus a Stella Matutina" nel Rito scozzese rettificato, è stato Sovrano Gran Commendatore dell'Ordine dei Cavalieri Massoni Eletti Cohen dell’Universo, creato da Martinès de Pasqually, succedendo in questa carica all'esoterista francese Robert Ambelain ("Aurifer") il 21 luglio 1967.

Muore a Roma nel 2005.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Massoneria Simbologia e Rito, un intervento postumo ma necessario di Ivan Mosca, prefazione di Bent Parodi, Ed. Luz, Latina, 2008 (2ª ed.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gran Maestri della Massoneria sul sito akhenaton.org


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]