Ivan Goran Kovačić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ivan Goran Kovačić (Lukovdol, 21 marzo 1913dintorni di Foča, 13 luglio 1943) è stato uno scrittore, giornalista e partigiano croato. Fu partigiano ed espresse nelle sue opere l'indignazione verso il nazismo. Fu il primo a portare nome Goran.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kovačić nacque a Lukovdol, nella regione del Gorski Kotar. Studiò slavistica all'università di Agram (Zagabria); dal 1936 iniziò l'attività di giornalista. Nel 1942 divenne partigiano e circa 6 mesi dopo fu ucciso dai Cetnici. Il luogo di sepoltura è sconosciuto.

L'attività letteraria iniziò nel 1929; scrisse poesie, racconti e saggi. Già nelle sue prime novelle Dani gnjeva (1936) si dimostrò narratore legatissimo alla sua terra. La raccolta di poesie Ognji i rože (1945) è scritta nel dialetto del paese natale. La sua ultima e più grande opera, Jama, è una protesta contro le atrocità della guerra ed insieme una sentita descrizione della passione dei suoi connazionali.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lirika, Zagreb, 1932
  • Dani gnjeva, novelle, Zagreb, 1936
  • Hrvatske pjesme partizanke, Šuma Javornica 1943
  • Jama, poema, Bari 1944
  • Ognji i rože, Zagreb, 1945
  • Djela, 7 voll., Zagreb, 1946-49
  • Izabrana djela, Zagreb, 1975
  • Sabrana djela, 5 voll., Zagreb, 1984

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 68960256 LCCN: n83127133