Ivan Cotroneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Cotroneo

Ivan Cotroneo (Napoli, 21 febbraio 1968) è uno scrittore, sceneggiatore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Napoli, dopo aver abbandonato gli studi di giurisprudenza si trasferisce a Roma, dove nel 1992 si diploma in sceneggiatura presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. I suoi primi approcci con il cinema avvengono grazie al regista Pappi Corsicato, per il quale Cotroneo scrive l'episodio La stirpe di Iana incluso nel film collettivo I vesuviani e la sceneggiatura del lungometraggio Chimera.

Nel 1999, edito da Bompiani, pubblica una raccolta di citazioni intitolata Il piccolo libro della rabbia. Nello stesso anno ha collaborato alla sceneggiatura di In principio erano le mutande di Anna Negri, assieme a Renato De Maria e Francesco Piccolo ha scritto la sceneggiatura di Paz!, portando sul grande schermo i personaggi creati da Andrea Pazienza. Nel 2003 collabora con Daniele Luchetti e Stefania Montorsi per Dillo con parole mie e scrive per Alex Infascelli il cortometraggio L'ultimo giorno. Nel 2003 pubblica il suo primo romanzo, Il re del mondo, mentre nel 2005, sempre edito da Bompiani pubblica il romanzo Cronaca di un disamore.

Cotroneo ha lavorato come sceneggiatore per diverse produzioni televisive, come fiction e miniserie tv, quali Un posto tranquillo e Raccontami una storia. Sempre per la televisione, ha fatto parte del team di autori del programma L'ottavo nano, di Serena Dandini e Corrado Guzzanti, per la Dandini è stato inoltre autore per tre stagioni del talk show Parla con me. Oltre al cinema e alla televisione, Cotroneo lavora anche per il teatro, ha adattato l'edizione italiana di Closer di Patrick Marber e Le regole dell'attrazione di Bret Easton Ellis, inoltre ha scritto alcuni spettacoli comici e ha scritto per Claudio Gioè il monologo Se stanotte sono qui.

Nel 2007 collabora alla sceneggiatura di Piano, solo, adattamento cinematografico di un libro di Walter Veltroni, nello stesso anno pubblica il suo terzo romanzo, La kryptonite nella borsa. Nel 2008 scrive assieme a Maria Sole Tognazzi L'uomo che ama, film d'apertura del Festival Internazionale del Film di Roma 2008, e torna a scrivere la televisione, con la fiction Tutti pazzi per amore, di cui è autore del format originale, e un nuovo adattamento televisivo di Pinocchio.

Nel 2009 ha scritto insieme a Sandro Petraglia e Fidel Signorile la sceneggiatura di La prima linea di Renato De Maria, e insieme a Barbara Alberti, Walter Fasano e Luca Guadagnino la sceneggiatura di Io sono l'amore. Insieme a Ferzan Özpetek nello stesso anno scrive la sceneggiatura del film di Özpetek Mine vaganti, vincitore del Globo d'Oro 2010 per la migliore sceneggiatura e candidato, per la sceneggiatura, al David di Donatello e al Nastro d'argento 2010.

Nell'ottobre 2010 pubblica il suo quarto libro per Bompiani, Un bacio. È il traduttore ufficiale delle opere di Hanif Kureishi e Michael Cunningham, ma gli interessi di Cotroneo si espandono anche ad altri campi, oltre a gestire un laboratorio di sceneggiatura presso il Dams, terza Università di Roma, collabora con le riviste Rolling Stone e Max e si diletta con la musica, suo è il testo di Senza regole, brano scritto per Syria su musiche di Saturnino.

Nel 2011 per il film Mine vaganti il Bif&st di Bari gli ha assegnato il Premio Suso Cecchi D'Amico per la migliore sceneggiatura e il Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto[1].

Nel 2011 debutta alla regia cinematografica con La kryptonite nella borsa, basato sull'omonimo romanzo scritto dallo stesso Cotroneo nel 2007 e presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma 2011.

Riconoscimenti e premi[modifica | modifica wikitesto]

Ivan Cotroneo, per La kryptonite nella borsa, ha ottenuto il premio Rosebud come miglior regista esordiente e il premio conferito dal Festival del Cinema di Porretta Terme il 4 marzo 2012.[2] [3] [4], cinque candidature per il David di Donatello, tre candidature per il Nastro d'Argento tra cui quella per la migliore commedia 2012[5]. Il film ha inoltre vinto tre Ciak d'oro. Al Festival di Annecy 2012 la Kryptonite nella borsa ha ottenuto il Grand Prix e il Premio per la migliore attrice a Valeria Golino.

Scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I premi del Bif&st 2011, bifest.it. URL consultato il 01-02-2011.
  2. ^ Il regista Carlo Mazzacurati ospite del Porretta Festival, L'Unità, 21 febbraio 2012. URL consultato il 17-06-2012.
  3. ^ Porretta Cinema:11esima edizione conCarlo Mazzacurati, ma è come se fosse il 1960, Il fatto Quotidiano, 25 febbraio 2012. URL consultato il 17-06-2012.
  4. ^ Eventi Bologna, La Repubblica pag. 12, 03 marzo 2012. URL consultato il 17-06-2012.
  5. ^ Alessandra Vitali, Nastri, sfida fra Giordana e Ozpetek ai fratelli Taviani il "Nastro dell'anno", La Repubblica, 04 giugno 2012. URL consultato il 17-06-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]