Itta di Nivelles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Itta
Dipinto di Santa Itta che nutre un bambino.
Dipinto di Santa Itta che nutre un bambino.

Badessa

Nascita 592
Morte 657
Venerata da Chiesa cattolica
Ricorrenza 8 maggio

Itta, o Ida, o Iduberga (592Nivelles, 8 maggio 657), fu moglie di Pipino di Landen che, rimasta vedova, fu monaca e poi badessa, venerata come santa dalla Chiesa cattolica.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Arnoaldo, figlio di Anbertus e Blitilde[1]. Sua bisnonna fu Doda di Metz, figlia del re dei Merovingi di Colonia, Clodorico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Itta è citata negli Annales Xantenses, quando viene ricordata la morte del marito, Pipino di Landen[2], precisando che, dopo essere rimasta vedova, nel 647, nel 650, edificò il monastero di Nivelles[2], dove, su consiglio di Amando di Maastricht, si ritirò divenendo suora benedettina.
Itta, detta Itaberga è citata anche negli Annales Mettenses Priores, quando viene citata la figlia, Gertrude, che entrò nello stesso monastero fondato dalla madre[3],
Il monastero da lei fondato era un monastero benedettino doppio, con un'ala maschile e una femminile, sottoposto all'autorità della badessa. Ne divenne la prima badessa; secondo un'altra versione, avrebbe rinunciato a tale dignità a favore della figlia Gertrude (che comunque le sarebbe succeduta alla sua morte).

Itta morì nel suo monastero l'8 maggio 657[2].

Matrimoni e figli[modifica | modifica wikitesto]

Itta aveva sposato Pipino di Landen a cui diede tre figli[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regal legacy
  2. ^ a b c d e f (LA) Annales Xantense, pag 34
  3. ^ (LA) Annales Mettenses, pag 4
  4. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, LXXXVI

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Memoria liturgica l'8 maggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]